Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Non profit e fondazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 dell’impresa . E’ perciò realistico supporre che il servizio offerto dall’ente non profit sia di qualità o comunque migliore di quello offerto da un ente for profit. 1.2.3 La teoria dell’integrazione verticale (di produzione e consumo) di Avner Ben-Ner Molti studiosi hanno messo in dubbio che il divieto di non distribuzione degli utili sia sufficiente a impedire comportamento opportunistici da parte degli amministratori i quali potrebbero aggirare il divieto “pagando salari inflazionati o contratti di fornitura opportunamente gonfiati” (Musella, D’Acunto, p.20) o “ricorrendo a forme di distribuzione nascoste o a sussidiazione incrociata” 13 . Per queste ragioni si sono venute sviluppando teorie alternative sul vantaggio comparato di cui godrebbe il non profit. Al riguardo Ben-Ner (1986) 14 analizza il caso di un bene o servizio escludibile, non rivale, di difficile valutazione qualitativa e prospetta due soluzioni al gap informativo dei consumatori : la prima , monitoraggio continuo sulla qualità del bene o servizio fornito , la seconda, assunzione diretta del controllo di produzione. Il monitoraggio, come è intuitivo, può eccedere nei costi in modo tale da scoraggiarne l’adozione per cui Ben-Ner ipotizza che i donatori assumano il controllo della produzione. In questo modo l’asimmetria informativa viene meno in quanto le figure dei produttori e dei consumatori vengono a coincidere ed è anche superato evidentemente il problema della fiducia. In realtà il modello prospettato ha un campo di applicazione ristretto poiché il controllo della produzione può realizzarsi nel concreto solo per enti di piccole dimensioni in cui i soci costituiti da gruppi 13 Angeloni Laura, L’analisi economica e le organizzazioni non-profit: alcuni riferimenti concettuali, in Non profit e sistemi di Welfare, Roma, NIS, 1996 p.169 14 Ben-Ner Avner, Nonprofit Institutions. Why do they exist in Market Economics, in Rose- Ackerman S., The Economy of Nonprofit Institutions, New York, Oxford University Press, 1986

Anteprima della Tesi di Pierpaolo De Nardi

Anteprima della tesi: Non profit e fondazioni, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pierpaolo De Nardi Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19036 click dal 14/01/2005.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.