Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Non profit e fondazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 1.2 Analisi economica delle ragioni di esistenza del non profit: le teorie prevalenti 1.2.1 La teoria del fallimento di mercato e del fallimento del governo di Burton Weisbrod E’ noto che lo Stato o meglio il Welfare State provvede alla fornitura di beni e servizi che non “riescono” ad avere un mercato in quanto la loro domanda è indefinita o indefinibile. Si tratta dei c.d. beni e servizi pubblici definiti non rivali e non escludibili. Si dice al riguardo che c’è fallimento del mercato. Tra questi beni si annoverano in particolare quelli chiamati beni meritori. La loro rilevanza è sociale perché sono quelli per cui le condizioni di accesso da parte dei cittadini sono considerate cruciali per garantire i diritti di base (sanità, istruzione, previdenza, protezione dell’ambiente). Lo Stato per essere messo in grado di fornire questi beni o servizi, deve ricorrere al prelievo coattivo a carico della generalità dei cittadini. La scelta dei beni collettivi da fornire è determinata dalla consultazione elettorale che esprime la volontà dell’elettore mediano. Burton Weisbrod, (1986) 10 sostiene che il suddetto meccanismo di scelta, decisione e quindi fornitura funziona bene quando e se i cittadini hanno preferenze sostanzialmente simili o perlomeno sufficientemente omogenee. Egli osserva però che in una società avanzata e complessa come l’attuale le scelte dei cittadini tendono ad essere eterogenee per cui ci sono dei gruppi minoritari che chiedono la fornitura di certi beni collettivi che non viene realizzata in quanto il decisore pubblico, su indicazione dell’elettore mediano, soddisfa soltanto i bisogni dei gruppi maggioritari. A questo proposito, sostiene Weisbrod, la soluzione alla fornitura mancata da parte dell’ente pubblico di questi beni eterogenei può essere soddisfatta dal settore non profit il quale in tal modo integra il range di servizi pubblici 10 Weisbrod B., Toward a Theory of the Voluntary Nonprofit Sector in a Three-Sector Economy, in Economics of Non profit Institutions a cura di Rose-Ackerman S., Oxford UP, 1986 pp.57-84

Anteprima della Tesi di Pierpaolo De Nardi

Anteprima della tesi: Non profit e fondazioni, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pierpaolo De Nardi Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19035 click dal 14/01/2005.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.