Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Non profit e fondazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 1.2.2 La teoria delle asimmetrie informative e il divieto di distribuzione degli utili di Henry Hansmann Gli enti non profit non avendo scopo di lucro da un lato soggiacciono al divieto di distribuzione degli utili e dall’altro dal diritto di avvalersi di apporto di capitale e di prestazioni volontarie gratuiti. Su questi due aspetti si articola la teoria di Hansmann per dimostrare il vantaggio comparato del non profit rispetto al for profit. Il ragionamento di Hansmann (1986) 11 parte dalla constatazione dell’esistenza di asimmetria informativa tra i donatori e i gestori dei beni o servizi. In altre parole “ i consumatori potrebbero desiderare di contribuire con donazioni o lavoro volontario alla produzione del bene pubblico, ma potrebbero temere che l’organizzazione produttiva cui essi conferiscono i loro apporti li utilizzi, non per produrre quantità addizionali del bene, bensì per lucrare profitti addizionali” 12 . (Musella, D’Acunto, Economia Politica del non profit, p.14) Questa eventualità, sostiene Hansmann è esclusa perché “a nonprofit organization is barred from distributing its net earnings, if any, to individuals who exercise control over it, such as members, officers, directors, or trustees” (1986), ovvero il divieto giuridico di distribuzione degli utili è un deterrente sufficiente per l’autore a rassicurare i donatori sull’efficienza della transazione. Una seconda asimmetria informativa consiste nella difficoltà da parte dei consumatori della valutazione qualitativa della produzione di servizi alla persona (problema di fiducia). In questo caso la preferenza di Hansmann a favore dell’ente non profit viene rafforzata dal ragionamento che gli amministratori non hanno interesse a non scegliere beni di bassa qualità in quanto la loro remunerazione non è legata ai risultati economici 11 Hansmann Henry, Economic Theories of Nonprofit organization in Powell Walter W. (a cura di), The Nonprofit Sector: A Research Handbook, Yale, Yale University Press, 1986, pp. 28 e segg. 12 Musella M., D’Acunto S., Economia Politica del non profit, p.14

Anteprima della Tesi di Pierpaolo De Nardi

Anteprima della tesi: Non profit e fondazioni, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pierpaolo De Nardi Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19038 click dal 14/01/2005.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.