Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il segreto di Stato alla luce dell'evoluzione del diritto all'informazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 Il nostro ordinamento per ciò che concerne gli aspetti comunicativi ha subito un’evoluzione che potrebbe essere paragonata a quella subita relativamente alla disciplina del segreto di Stato: si è infatti passati da un’amministrazione totalmente autoritaria, tutta basata sul comando e sull’assoluta mancanza di partecipazione dei consociati ai processi della vita politica, ad una gestione più condivisa degli interessi comuni, grazie soprattutto al rilancio legislativo del diritto alla comunicazione, e alla creazione di istituti giuridici con i quali si è permesso ai cittadini di avere sempre maggiore accesso all’attività statuale e alla sua gestione. L’attenzione si concentra allora nell’intensa attività legislativa che a partire dalla metà degli anni ottanta si è sviluppata per circa un ventennio: ruoli primari in questa analisi sono svolti dalla innovativa legge 7 agosto 1990, n. 241, pietra miliare dell’evoluzione dell’attività comunicativa istituzionale, e dalla legge 7 giugno 2000, n. 150, sulla ridefinizione degli ambiti della comunicazione pubblica. Riprendendo il tema del segreto di Stato, è necessaria una analisi dei principali tentativi di riforma della disciplina in materia, concretizzatisi in numerosi disegni di legge di iniziativa governativa e parlamentare, con i quali si auspica una risoluzione di quei problemi e di quelle tematiche che la riforma del 1977 non è riuscita pienamente a risolvere, soprattutto nell’attuale contesto in cui versa la nostra società. Il lavoro svolto intende allora trovare il filo rosso che unisce le tematiche del segreto di Stato con il diritto all’informazione, nella convinzione che gli ultimi disegni di legge presentati possano migliorare la gestione dell’attività di segretazione, che non deve ovviamente essere palesata, ma più improntata ai principi democratici della pubblicità e della trasparenza, soprattutto attraverso una riforma della normativa dell’accesso ai documenti coperti da segreto di Stato, e attraverso una

Anteprima della Tesi di Mauro Guglielmo Paludo

Anteprima della tesi: Il segreto di Stato alla luce dell'evoluzione del diritto all'informazione, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Mauro Guglielmo Paludo Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5917 click dal 14/01/2005.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.