Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Affiches Posters Banners: la visibilità delle merci dalle Esposizioni universali ad Internet

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 formeranno col tempo vasti suburbi; da altre città di altri paesi, una popolazione cosmopolita di viaggiatori muove ai centri urbani per i più diversi motivi. Londra, capitale della Rivoluzione Industriale, è la città più popolosa agli inizi del XIX secolo (più di 860.000 abitanti al censimento del 1801) e, nei novant’anni successivi la su popolazione si quintuplicherà. Qui si sono manifestate le contraddizioni della città industriale più vistose: non a caso sarà scelta da Engels e Marx come laboratorio sperimentale per le loro indagini sulla situazione operaia. Goethe descrisse Londra in una visione preveggente di Faust:”…Quanto a me, sceglierei una metropoli di questo tipo: nel centro il tumulto costretto delle case borghesi, viuzze tortuose, cuspidi aguzze, un angusto mercato…; poi grandi piazze ed ampi viali, perché essa assuma anche un nobile aspetto; e infine, dove le barriere non possono impedirli, sconfinati sobborghi…”. 2 Quando si aprì l’esposizione universale del 1851, i contemporanei compresero subito che stavano assistendo ad uno degli avvenimenti più importanti del XIX secolo. Il progresso tecnologico suscitò inevitabilmente l’interesse dei governi, e da qui l’idea di constatare i progressi di tale sviluppo, di attrarre l’attenzione del pubblico, di stimolare l’attività degli inventori e dei produttori con gare a premi. L’origine delle esposizioni universali può essere fatte risalire alle fiere ed ai mercati, contrariamente però quest’ultime offrivano merci in vendita diretta e non presentavano mezzi di produzione, tanto meno non avevano nessuna pretesa di presentazione a fini didattici ed espositivi. Le prime esposizioni nazionali si hanno in Francia dopo la rivoluzione francese. Le nuove idee della rivoluzione aprivano la strada alle nuove figure borghesi che scalavano posizioni nella società. Nel 1791 erano state abolite le regole delle corporazioni che in Francia, contrariamente a ciò che era avvenuto in Inghilterra, avevano ostacolato lo sviluppo. Inoltre la Francia aveva bisogno di un rilancio dell’attività produttiva e in questo clima la prima esposizione, dedicata ai prodotti 2 J.W. Goethe, “Faust”, 2° parte, 4° atto

Anteprima della Tesi di Elena Brinchi

Anteprima della tesi: Affiches Posters Banners: la visibilità delle merci dalle Esposizioni universali ad Internet, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Elena Brinchi Contatta »

Composta da 365 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2261 click dal 13/10/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.