Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il commercio di false reliquie nel Regno di Napoli

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 1.2 Il Mezzogiorno in “crisi”. La Napoli barocca di grande fervore intellettuale è colpita nel XVII secolo da eventi catastrofici: l’eruzione del Vesuvio, di tipo pliniano, del 1631 causa ingenti danni e numerose vittime nei casali vesuviani. A questo si aggiunge l’atteggiamento sempre più dispotico del viceré spagnolo (Ramiro Guzman, duca di Medina di Las Torres), che porta alla introduzione di una nuova gabella sulla frutta e verdura, sfocia nel 1647 nella sommossa popolare capeggiata da Masaniello 5 e soffocata pochi giorni dopo nel sangue. Le rivolte di Napoli (1647-48), di Palermo (1647) e di Messina (1674) rappresentano i momenti più drammatici dell’esplosione antispagnola che, nel caso napoletano, coinvolgono anche le campagne, dove la guerriglia antifeudale assume le tinte di una vera e propria guerra contadina. Le rivolte sono domate in modo cruento, con la forza degli eserciti che il viceré spagnolo e i feudatari riescono a mettere in campo: la restaurazione è durissima e vuole essere esemplare, a dimostrazione della forza di cui ancora dispongono sia il governo spagnolo sia la feudalità. La sconfitta nella guerra dei Trent’anni segna una tappa importante del declino ispanico come potenza internazionale, ma non muta la situazione italiana, anzi, in un certo senso, la peggiora. Sul piano interno, dopo le esperienze esaltanti e drammatiche delle rivolte, si ristabilisce lo status quo; ma il Mezzogiorno risente fortemente di questo clima di reazione, ripiombando nella sua condizione di inattività e di stagnazione economica e sociale che deve caratterizzarlo _____________________ 5. Masaniello, pescivendolo di Amalfi; nel Luglio del 1647 è a capo della plebe napoletana insorta contro gli spagnoli per l’imposizione di una nuova imposta. Impadronitosi dell’amministrazione cittadina ottiene dal viceré la revoca della gabella stessa, ma nemmeno due settimane dopo, impazzito per il successo viene ucciso dai suoi stessi compagni.

Anteprima della Tesi di Nizar Fanelli

Anteprima della tesi: Il commercio di false reliquie nel Regno di Napoli, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Nizar Fanelli Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2242 click dal 17/01/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.