Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il commercio di false reliquie nel Regno di Napoli

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 accade perché unge le porte delle abitazioni per propagare il male. Con il dilagare dell’epidemia i luoghi d’interramento 7 e i lazzaretti non sono più sufficienti a contenere i morti e gli ammalati per cui il vicerè 8 fa liberare gli schiavi e i galeotti per adibirli allo scavo delle fosse in quelle località adibite alla duplice funzione di lazzaretti e cimiteri come il Largo delle Pigne (Piazza Cavour), Piazza Mercato e il Largo Mercatello (Piazza Dante). “A dicembre è stato possibile fare un bilancio dei decessi: su poco più di 350 mila abitanti la peste ne ha mietuti quasi 250 mila, come a dire 7 persone su 10” 9 .Napoli non è solo fortemente intaccata nella struttura economica e sociale, ma scompare, anche il senso morale perché durante il flagello si sono compiuti abusi di ogni genere. Beni di intere famiglie sono trafugati e addirittura si ricorre all’omicidio, affrettando la fine dei moribondi, per compiere furti e sciacallaggio di ogni genere. Alla fine del contagio si è pensato più che altro ad erigere chiese e guglie, immettere sulle porte della cinta urbana immagini dei Santi, che secondo la popolazione hanno con il loro patrocinio cooperato alla cessazione del morbo. A tale proposito si è accesa un’aspra polemica tra Gesuiti e Teatini per stabilire chi ha avuto più merito, S. Francesco Saverio o S. Gaetano Thiene, infine si sono appellati al Papa per il giudizio e per far nominare Patrono della città il Santo prescelto. Salomonica è stata la decisione di Alessandro VII (Fabio Chigi) che ha attribuito uguale merito ai due Santi e li ha fatti ascrivere entrambi tra i Protettori di Napoli. ________________ 7. I luoghi d’interramento dell’epoca, cioè le fosse comuni, si limitano alla Grotta dello Sportiglione, l’attuale cimitero di S. Maria del Pianto. 8. Garcia d’Avellaneda y Haro, Conte di Castrillo. 9. A. D’Ambrosio, L. Palmieri, op. cit., p.142

Anteprima della Tesi di Nizar Fanelli

Anteprima della tesi: Il commercio di false reliquie nel Regno di Napoli, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Nizar Fanelli Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2242 click dal 17/01/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.