Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Due ''filosofie'' dell'orrore: Horacio Quiroga e Howard Phillips Lovecraft

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 sedere l'essere amato per beneficiare in parte dei suoi attributi. La morte della persona amata, trattenuta un istante nella catalessi che simula lo stato di distruzione totale, nonostante poi renda la vita ai morti presunti, è una possibilità di ritardare la propria morte, come il vampiro che mantiene la vita alimentandosi del sangue di chi ama. Quiroga va di solito più in là nelle descrizioni e prova piacere nel defi- nire chiaramente la relazione, ad esempio in "Historia De Estilicón": […] Estilicón estaba sentado sujetando una criatura que se debatía arqueada a- trás, con los brazos apartantes sobre el pecho del mono. Éste, grave, le pasaba la mano por la cabeza, sin mirarnos. 24 La storia che si snoda in questo racconto tratta di una scimmia che viene allevata in casa e abituata a comportarsi come un essere umano; ma l'istinto dell'animale prevale sui comportamenti indotti nel momento in cui prova pulsioni sessuali, che diventano incontrollabili. Solo più tardi Quiro- ga diverrà pudico e si accontenterà di menzionare "i corvi, i leoni o le aqui- le del desiderio" che lo tormentano. Sia Poe che Quiroga sanno più che bene che vittima e carnefice si i- dentificano nello stesso corpo, e che la bellezza della giovane morta si assi- mila a quella di Medusa che pietrifica chi la guarda. Contemplarsi è sdop- piarsi ("William Wilson" e "El Crimen Del Otro"): la perversione spinge il protagonista a commettere un crimine ma anche a confessarlo. Delitto ed e- spiazione sono le due facce della moneta, oltre che allo stesso tempo la contropartita evidente della vittima-carnefice. Il carattere soprannaturale dei vampiri del XVIII e XIX secolo si sottolinea con il loro aspetto demo- niaco e la barriera tra l'umano e il demoniaco si stabilisce quando il segno della croce è evocato o quando si pianta un paletto definitivamente nel cuo- 24 Quiroga, H., "Historia de Estilicón", in "Todos los Cuentos", op. cit., p. 860: "[…] Estilicón stava seduto, tentando di possedere una ragazzina che si dibatteva, incurvata all'indietro, con le braccia, nel tentativo di divin- colarsi, sul petto della scimmia. Questa, che faceva sul serio, le passava la mano sulla testa, senza guardarci".

Anteprima della Tesi di Marco Sanvito

Anteprima della tesi: Due ''filosofie'' dell'orrore: Horacio Quiroga e Howard Phillips Lovecraft, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Sanvito Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2045 click dal 21/01/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.