Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La discrezionalità amministrativa nella disciplina del commercio al dettaglio in sede fissa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 discrezionali assunte dalla amministrazione comunale stessa in sede di redazione del proprio piano commerciale. 12 Deve inoltre essere sottolineato che la legge suddetta fornisce una risposta ad alcuni problemi che si erano presentati. Più precisamente, la legge realizza un sistema di raccordo fra pianificazione commerciale e pianificazione urbanistica, in quanto il piano commerciale deve rispettare le previsioni urbanistiche esistenti. D’altro canto, poi, si prevede espressamente che nella adozione e nella revisione degli strumenti urbanistici generali siano indicate le norme per gli insediamenti commerciali ed in particolare le quantità minime di spazi per parcheggi. Negli strumenti particolareggiati, invece, devono essere previsti gli spazi riservati ai centri commerciali con superficie superiore a 1500 mq, per i quali inoltre è previsto, oltre alla autorizzazione sindacale, anche il nulla osta regionale. 13 Concludiamo questo sintetico richiamo alla disciplina di cui alla l. n. 426/1971 accennando sommariamente alle principali questioni sorte nella applicazione della stessa. 12 Sul precedente regime autorizzatorio, vedi S. Dammacco, Autorizzazioni amministrative e licenze commerciali, Milano, 1993; M. A. Sandulli, Le autorizzazioni al commercio di vendita a posto fisso, Milano, 1990; P. Gentili, La nuova procedura per il rilascio dell’autorizzazione al commercio, Bologna, 1996; P. Bonanni, Le autorizzazioni e le licenze di commercio nel sistema della pianificazione e della giurisprudenza, Padova, 1988; R. Murra, La giurisprudenza dei T.A.R. in materia di autorizzazioni commerciali, in I T.A.R., 1989, n. 5. 13 In tema di grandi strutture commerciali, vedi C. Ribolzi, I problemi di diritto amministrativo della grande distribuzione; in Rivista di diritto industriale, 1979, n. 2.

Anteprima della Tesi di Pierluigi Cavallo

Anteprima della tesi: La discrezionalità amministrativa nella disciplina del commercio al dettaglio in sede fissa, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Pierluigi Cavallo Contatta »

Composta da 215 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2588 click dal 27/01/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.