Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rilevanza dello ius civile nella disciplina del matrimonio canonico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 quali, appunto, le Conferenze Episcopali" 7 . Il can.1062 determina se, quando e da chi la promessa di matrimonio può avere rilevanza giuridica. Tale promessa, sia unilaterale sia bilaterale- detta comunemente fidanzamento - non è presa direttamente in considerazione dal legislatore comune, ma da questi è sottoposta alla considerazione della Conferenza dei Vescovi, i quali possono determinare con diritto proprio - quindi particolare - l'efficacia giuridica, tenuto conto delle consuetudini e leggi civili della loro nazione. Per quanto riguarda l'Italia la C.E.I. non ha inteso stabilire in merito alcun suo diritto, lasciando così priva di ogni rilevanza giuridica la promessa di matrimonio. Rapidissima in questo campo è stata l’evoluzione della vita in società rispetto allo stesso tempo non molto lontano dell’emanazione del codice civile, nel quale un periodo, comunemente indicato come fidanzamento, con una sua fisionomia riconosciuta dal codice, soleva prevenire la celebrazione delle nozze che consacrano la vita in matrimonio, unica forma di una legale costituzione familiare. 7 G.BONI, La rilevanza del diritto secolare nella disciplina del matrimonio canonico, cit.

Anteprima della Tesi di Bartolomeo Paolillo

Anteprima della tesi: Rilevanza dello ius civile nella disciplina del matrimonio canonico, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Bartolomeo Paolillo Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3819 click dal 21/01/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.