Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Implementazione di un simulatore per la propagazione di impulsi in un canale ottico.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6Denominazione SDH Denominazione SONET Velocita` (Mb/s) OC-1 51.840 STM-1 OC-3 155.520 STM-4 OC-12 622.080 STM-16 OC-48 2488.32 (2.5 Gb/s) STM-64 OC-192 9953.28 (10 Gb/s) Tabella 3: Velocita` di trasmissione per reti ottiche. tualmente riferimento allo standard SDH (Syncronous Digital Hierarchy) appli- cabile alle reti punto-punto ad alta velocita`. SDH nasce come perfezionamento del precedente standard SONET (Syncronous Optical Network) elaborato negli Stati Uniti dalla Bell Core. Vale la pena accennare ad alcuni nuovi progetti che possono dare un’idea di quali saranno le future possibilta` delle comunicazioni ottiche. In un comu- nicato stampa del 30 gennaio 2000, TELECOM ITALIA annuncia il progetto NAUTILUS. Si propone una rete sottomarina ad anello di circa 7000Km per la diffusione di internet nel mediterraneo, con una capacita` di 1.28Tbit/sec. NAUTILUS nasce per soddisfare la forte crescita di connetivita` dei paesi del Mediterraneo orientale. In questo senso l’elevato bit rate raggiunto con questo progetto e` ampiamente giustificato e molto probabilmente diventera` inadegua- to nel giro di pochi decenni. La situazione attuale vede una intricata maglia di cavi in fibra nel Mediter- raneo, nel Mar Nero, nell’atlantico e anche ne Pacifico (progetti della serie TPC). Trasmissioni solitoniche L’ultima frontiera nell’ambito delle comunicazioni ottiche e` rappresentata dalla possibilita` di sfuttare in modo vantaggioso gli effetti non lineari della fibra. Nelle comunicazioni tradizionali la fibra viene vista essenzialmente come un mezzo lineare per il quale la trasmissione e` influenzata esclusivamente da atten- uazione e dispersione. Con l’introduzione di fibre monomodali (con diametro del core di 5 ∼ 8µm) e della tecnica a multiplazione della lunghezza d’onda

Anteprima della Tesi di Cristian Frizziero

Anteprima della tesi: Implementazione di un simulatore per la propagazione di impulsi in un canale ottico., Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Cristian Frizziero Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 725 click dal 17/01/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.