Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problemi giuridici della teleamministrazione e atto elettronico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 In un secondo momento, viene approfondito il riconoscimento della rilevanza e validità del documento informatico e della firma digitale. L’art. 15, comma 2, della legge 15 marzo 1997 n.59, la cosiddetta Legge Bassanini, ed i successivi D.P.R. 513/97 e D.P.R. 445/00, hanno introdotto nel nostro ordinamento giuridico due elementi di assoluta novità, capaci di modificare radicalmente il modo con cui vengono gestiti i rapporti fra privati e Pubblica Amministrazione e fra privati stessi: il riconoscimento giuridico del documento elettronico e della firma digitale. Grazie alle leggi indicate un documento informatico dotato di firma digitale ha lo stesso valore legale di un tradizionale documento cartaceo con sottoscrizione autografa. I settori maggiormente interessati dalla diffusione della firma digitale sono: il già citato rapporto telematico tra pubbliche amministrazioni e cittadini, la trasmissione di documenti tramite posta elettronica e il commercio elettronico, attualmente poco diffuso, soprattutto in Italia, per la sfiducia che gli utenti hanno, in termini di sicurezza, della rete Internet. Presupposto tecnologico della firma digitale e del documento informatico è la crittografia asimmetrica, scelta dal T.U. del 2000, che si basa su due chiavi, una pubblica e una privata, una che cifra e una che decifra o viceversa. Una delle due chiavi è destinata a rimanere segreta ed è utilizzabile solo dal titolare, mentre l’altra è resa pubblica. Questa caratteristica costituisce il tratto distintivo rispetto alla tradizionale crittografia chiamata simmetrica, che prevede l’uso di una medesima chiave, da parte sia del mittente di un messaggio che del destinatario, il primo per cifrare il messaggio, il secondo per decifrarlo.

Anteprima della Tesi di Monica Sansone

Anteprima della tesi: Problemi giuridici della teleamministrazione e atto elettronico, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Monica Sansone Contatta »

Composta da 245 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1779 click dal 21/01/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.