Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Quality System nel Sistema Sanitario Italiano: L'accreditamento Istituzionale delle strutture sanitarie EX D.LGS. N.229/1999 nel sistema regionale: un approccio giusoperativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 produttori diprestazioni sanitarie e, dall'altro, quello di tendere ad un miglioramento generalizzato dei livelli qualitativi delle prestazioni erogate…Conseguentemente, al fine di riuscire a massimizzare il margine tra tariffa e costo medio di produzione delle prestazioni, essi dovranno tendere ad ottimizzare i propri processi produttivi e quindi a minimizzare i costi unitari, pur mantenendo adeguati standard qualitativi Se questi sono i vantaggi attesi… non vanno tuttavia sottovalutati i rischi ad esse associati, per contrastare i quali è fondamentale attivare, ai vari livelli di governo della sanità, adeguati meccanismi di controllo. Innanzitutto, l'apertura ad uno spettro più ampio di erogatori rende impellente l'avviamento di appropriate procedure per l'accreditamento delle singole strutture o i singoli servizi, pubblici e privati, che vogliano esercitare attività sanitaria nell'ambito del Servizio sanitario nazionale. La omologazione ad esercitare può essere acquisita se la struttura o il servizio dispongono effettivamente di dotazioni strumentali, tecniche e professionali corrispondenti a criteri definiti in sede nazionale. Si dovrà pertanto provvedere, a livello regionale, ad adottare strumenti normativi con i quali si prevedano le modalità per la richiesta dell'accreditamento, la concessione, la eventuale revoca e gli accertamenti periodici…”. Conseguentemente, ed alla luce dell’articolo 6, comma 6 10 , della successiva Legge 23 dicembre 1994, n. 724., Legge Finanziaria 1995, per accreditamento si intendeva una “omologazione ad esercitare che poteva essere acquisita se la struttura avesse disposto, effettivamente, di dotazioni strumentali tecniche e professionali corrispondenti ai criteri definiti a livello nazionale” 11 .Tale definizione fu meglio precisata dalla Corte Costituzionale con la sentenza 21-28 luglio 1995, n.416. La Corte nel dichiarare l'illegittimità costituzionale del comma 1° dell’articolo 10 12 13 della Legge in esame, nella parte in cui impone alle regioni di provvedere con risorse proprie al ripiano degli eventuali disavanzi di gestione anche in relazione a scelte esclusive o determinanti dello Stato, precisò che: “In ordine al sistema della utilizzazione a scelta dell'utente delle strutture pubbliche e private e del finanziamento delle aziende sanitarie deve essere preliminarmente sottolineato che 10 Fermo restando il diritto all'accreditamento delle strutture in possesso dei requisiti di cui all'articolo 8, comma 4, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, per il biennio 1995-1996 l'accreditamento opera comunque nei confronti dei soggetti convenzionati e dei soggetti eroganti prestazioni di alta specialità in regime di assistenza indiretta regolata da leggi regionali alla data di entrata in vigore del citato decreto legislativo n. 502 del 1992, che accettino il sistema della remunerazione a prestazione sulla base delle citate tariffe 11 CALANNI R.“Accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie e tetti di spesa tra libertà di scelta e diritto di iniziativa economica - brevi riflessioni.”Ambiente e Diritto 2004. 12 Art. 10(Norme finali) „1. Alle Unità sanitarie locali si applicano le disposizioni di cui all'articolo 4, comma 8, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni ed integrazioni. Agli eventuali disavanzi di gestione, ferma restando la responsabilità diretta delle predette Unità sanitarie locali, provvedono le regioni con risorse proprie, con conseguente esonero di interventi finanziari da parte dello Stato”. 13 E rigettando i ricorsi proposti da lle Regioni Emilia Romagna, Lombardia e Sicilia avverso gli articoli 3, 4, e 6 della Legge 724/1994.

Anteprima della Tesi di Diego Piergrossi

Anteprima della tesi: Il Quality System nel Sistema Sanitario Italiano: L'accreditamento Istituzionale delle strutture sanitarie EX D.LGS. N.229/1999 nel sistema regionale: un approccio giusoperativo, Pagina 8

Tesi di Master

Autore: Diego Piergrossi Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4790 click dal 21/01/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.