Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Quando il sito è vincente. Il caso di Winnerland.com

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 storica di un’invenzione: è la spinta sociale a determinare l’adozione, l’uso e l’abbandono di una tecnologia. Il suo punto di vista rappresenta una mediazione tra quello degli storici della tecnica che “non si interrogano affatto sugli usi o, più esattamente, avanzano l’errata ipotesi che l’utilizzazione delle macchine derivi del tutto naturalmente dalle loro caratteristiche tecniche” 36 e dei sociologi che, concentrandosi unicamente sulla diffusione o sull’acquisizione di un mezzo tecnico, tralasciano gli aspetti funzionali. Flichy divide la storia della comunicazione moderna in tre fasi. All’inizio la comunicazione riguardava lo Stato, poi interessò il mercato, la famiglia e infine l’individuo. Il primo periodo (1790 – 1870) vede la nascita del telegrafo ottico ed elettrico, della registrazione dell’immagine, dell’elettricità e del concetto di rete. Il secondo periodo (1870-1930) vede oscillare l’uso dei media tra la comunicazione professionale e quella familiare. Nascono le tecniche di registrazione dell’immagine e del suono, la fotografia, la fonografia e il cinema. Negli ultimi anni dell’Ottocento la produzione industriale si orienta verso il mercato dei consumi di tipo domestico, fino ad allora sostanzialmente alimentato da una produzione artigianale, ponendo le basi del mercato di massa. Il fonografo accompagna le trasformazioni della vita privata e la nascita della famiglia vittoriana. Il terzo periodo (1930-1990) è quello dell’elettronica e del passaggio dalla comunicazione familiare alla comunicazione individuale e globale. 1.2.2 Le origini della nozione di rete Nell’affrontare le tappe dello sviluppo del telegrafo ottico all’interno del primo periodo, Flichy mette in evidenza che, sebbene le potenzialità tecniche del sistema fossero conosciute e sperimentate sin dalla fine del Seicento, solo con la Rivoluzione francese e la creazione dello Stato moderno fu possibile la nascita di una rete di trasmissione permanente ed estesa. Al di là degli usi prefigurati dai fratelli Chappe al momento dell’invenzione (trasmissione di informazioni di servizio per le ferrovie) e di quelli attuati (comunicazioni militari e politiche), lo sfruttamento del telegrafo avvenne poiché si collocava in un cambiamento di mentalità più vasto. Il telegrafo, in quel momento, era percepito come uno strumento che annullava le distanze e unificava le separazioni territoriali: “Fin dal luglio 1789 (periodo in cui Chappe incomincia a riflettere sul nuovo sistema) l’Assemblea costituente prende in esame una nuova suddivisione amministrativa della Francia … . Qualunque sia la scelta, si tratta in sostanza di eliminare i particolarismi regionali e di rafforzare l’unità nazionale creando divisioni basate su un’uguaglianza spaziale o demografica … . L’unità di questo spazio omogeneo deve essere costantemente rafforzata. 36 Ivi, p. 5.

Anteprima della Tesi di Marco Di Mei

Anteprima della tesi: Quando il sito è vincente. Il caso di Winnerland.com, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Marco Di Mei Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2421 click dal 21/01/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.