Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'interpretazione in campo sociale: analisi di un'esperienza parigina

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 Un terzo arriva sul suolo francese per il ricongiungimento familiare, il 20% sono persone che richiedono lo status di rifugiati, il 25% sono lavoratori permanenti e la parte restante persone alle quali viene concesso un soggiorno temporaneo. Negli ultimi decenni la legislazione che regola i flussi migratori, la lotta all’immigrazione clandestina e la concessione d’asilo ha visto un abbondante moltiplicarsi di norme e regolamenti, che hanno dovuto tra l’altro armonizzarsi con le norme europee. Verranno presentate ora le tappe più recenti. Le leggi Pasqua del 1993 4 ponevano l’accento su una serie di restrizioni: controllo dei flussi migratori, limitazione del ricongiungimento familiare in un’unica volta e nel rispetto di alcuni criteri minimi di reddito, controllo dei matrimoni bianchi e controlli severi alle frontiere. L’insieme di queste disposizioni generava però un clima di diffidenza e di sospetto nei confronti dello straniero. Inoltre il testo di legge era estremamente complicato e le modifiche successive (in particolare la legge Debré del 1997 5 ) generarono ulteriori difficoltà. La soluzione di situazioni individuali apparentemente inestricabili impose pertanto una semplificazione legislativa. Il rapporto Weil del 1997 propose importanti miglioramenti dell’apparato amministrativo, tra i quali: • l’eliminazione di alcuni controlli per evitare alla pubblica amministrazione un inutile dispendio di tempo ed energie (semplificazione del sistema di concessione dei permessi di soggiorno, limitazione delle situazioni considerate di clandestinità, ecc.); • un cambio radicale nella lotta all’immigrazione irregolare (rafforzamento dei dispositivi per la lotta al lavoro nero, miglioramento delle misure per l’allontanamento degli immigrati in posizione irregolare, ecc.); 4 Tale dispositivo comprende la legge n. 93-1027 del 24 agosto 1993 relativa alle condizioni di entrata e di soggiorno degli immigrati in Francia e la legge n. 93-1417 del 30 dicembre 1993 che ha comportato alcune modifiche del Codice Civile. 5 La legge n. 97-396 del 24 aprile 1997, detta legge Debré, prevedeva in particolare il certificato d’alloggio, obbligatorio, con o senza permesso di soggiorno, anche per coloro che venivano in visita presso un parente o un amico e l’obbligo di comunicare la partenza dell’ospite al centro civico del quartiere del proprio domicilio.

Anteprima della Tesi di Chiara Panozzo

Anteprima della tesi: L'interpretazione in campo sociale: analisi di un'esperienza parigina, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scuola sup. di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori

Autore: Chiara Panozzo Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2444 click dal 11/03/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.