Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tv e minori - il nuovo codice di autoregolamentazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Un capitolo a parte è costituito dai codici deontologici riguardanti la categoria giornalistica: essi chiaramente possono essere riferiti solo ai programmi di informazione in senso stretto, gestiti appunto dai giornalisti, anche se recepiscono le norme penali che garantiscono l’anonimato ai minorenni coinvolti a vario titolo nel procedimento penale. Un riferimento ai minori è previsto sia nella Carta dei Doveri del giornalista del 1993, nel paragrafo “Minori e soggetti deboli”, sia nella Carta di Treviso del 1990 e nel successivo Vademecum del 1995, entrambe interamente dedicate ai minori, sia nel Codice deontologico relativo al trattamento dei dati personali nell’esercizio dell’attività giornalistica all’articolo 7, che fa seguito alla legge n. 675 del 31 dicembre 1996 10 . Tutti questi documenti in linea di massima pongono limiti alle informazioni riguardanti i minori, per evitare notizie che possano danneggiare la loro dignità o il loro sviluppo o che possano produrre strumentalizzazioni da parte degli adulti, e obbligano a non diffondere le generalità dei minori coinvolti in casi di cronaca, sia come artefici che come vittime di reati, sia come partecipanti a fatti che non siano specificamente reati. All’anonimato si può derogare solo in casi assolutamente eccezionali, quando la diffusione delle generalità sia nell’interesse oggettivo del minore, come ad esempio nei casi di rapimento. Ma questi documenti sono appunto codici deontologici riguardanti una specifica categoria, come quella giornalistica, l’unica vincolata a rispettarli. Essi inoltre tutelano il minore in quanto oggetto dell’informazione più che in quanto utente del mezzo di comunicazione. Non riguardano insomma, se non in via del tutto marginale, il minore in quanto spettatore. In ambito internazionale il referente base per la tutela dei minori, anche in rapporto ai media, resta la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo ratificata a New York il 20 novembre 1989, e divenuta legge dello stato nel 1991. 10 I testi di questi codici deontologici sono riportati in Appendice come allegati

Anteprima della Tesi di Simona Buonomano

Anteprima della tesi: Tv e minori - il nuovo codice di autoregolamentazione, Pagina 10

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Simona Buonomano Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4658 click dal 21/01/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.