Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tv e minori - il nuovo codice di autoregolamentazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Nel 1989 La Convenzione Onu per i diritti del fanciullo pose con forza il problema all’attenzione internazionale: l’articolo 17 si occupava dei mezzi di comunicazione e sanciva il diritto del bambino a non essere danneggiato da essi 5 . In Italia, sin dall’inizio degli anni Novanta, la linea fu quella di affidare la tutela dei diritti dei minori davanti alla Tv a un Codice di autoregolamentazione. Si trattava di una soluzione che avrebbe potuto apparire una sorta di escamotage, che affidava la soluzione del problema alla coscienza e responsabilità individuale delle emittenti firmatarie, vincolandole al rispetto di norme che esse stesse avevano sottoscritto, ma allo stesso tempo evitava bene qualsiasi forma di censura, che sarebbe stata per di più anticostituzionale. Un primo Codice venne sottoscritto dalle emittenti private nel 1993, seguito successivamente da un documento di più ampia portata, il Codice di autoregolamentazione del 1997, meglio noto come “Codice Prodi”. Allo stesso tempo i diritti dei minori hanno trovato in primo riconoscimento legislativo, sia nelle leggi che hanno regolato il sistema radiotelevisivo (la 223/90 e la 249/1007) sia in disposizioni normative nate sulla spinta di alcune direttive europee. Quanto ai programmi di informazione, la categoria giornalistica si è dotata di numerosi codici deontologici, a partire dalla Carta dei Doveri del Giornalista, fino alla Carta di Treviso, ma in essi oggetto della tutela sono i minori in quanto oggetto dell’informazione, cioè nel caso specifico della televisione, solo i minori in Tv e non i minori davanti alla Tv. Lo stesso per quanto riguarda le norme sulla privacy, stabilite dalla legge 675 del 1996 e sottoscritte dai giornalisti nel Codice relativo al trattamento dei dati personali. Di tutti questi documenti e norme, che costituiscono i “precedenti” dell’attuale Codice, ci occuperemo nel primo capitolo, per poi giungere all’argomento di nostro specifico interesse: il Codice di autoregolamentazione sottoscritto il 29 novembre 5 Art.17:<>

Anteprima della Tesi di Simona Buonomano

Anteprima della tesi: Tv e minori - il nuovo codice di autoregolamentazione, Pagina 4

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Simona Buonomano Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4658 click dal 21/01/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.