Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetti delle zeoliti naturali sul processo di phytoremediation di terreni contaminati da zinco e piombo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 • Ripristino ambientale: gli interventi di riqualificazione ambientale e paesaggistica, costituenti complemento degli interventi di bonifica nei casi in cui sia richiesto, che consentono di recuperare il sito alla effettiva e definitiva fruibilità per la destinazione d'uso conforme agli strumenti urbanistici in vigore, assicurando la salvaguardia della qualità delle matrici ambientali. • Messa in sicurezza permanente: insieme degli interventi atti a isolare in modo definitivo le fonti inquinanti rispetto alle matrici ambientali circostanti qualora le fonti inquinanti siano costituite da rifiuti stoccati e non sia possibile procedere alla rimozione degli stessi pur applicando le migliori tecnologie disponibili a costi sopportabili, secondo i principi della normativa comunitaria. In tali casi devono essere previste apposite misure di sicurezza, piani di monitoraggio e controllo, ed eventuali limitazioni d'uso rispetto alle previsioni degli strumenti urbanistici. I valori di concentrazione delle sostanze inquinanti nelle matrici ambientali influenzate dall'inquinamento derivante dai rifiuti stoccati non devono superare nel suolo, sottosuolo, acque sotterranee e acque superficiali i valori previsti nell'Allegato 1. In pratica vengono distinti tre tipi di intervento: • Bonifica e ripristino ambientale. Questo è evidentemente il caso più favorevole. Una volta raggiunto lo scopo della bonifica si procede al Ripristino ambientale. • Bonifica e ripristino ambientale con misure di sicurezza. Quando l'adozione delle migliori tecnologie non permette di raggiungere le CLA nelle matrici ambientali del sito inquinato, il disinquinamento avverrà fino al raggiungimento dei valori residui ed il progetto di bonifica sarà corredato da Misure di sicurezza (di contenimento dell’inquinamento residuo) e da uno studio di Analisi del rischio, che dimostra come tali concentrazioni residue, con le misure di sicurezza adottate, non rappresentino un rischio per l’ambiente e la salute dell’uomo. • Messa in sicurezza permanente. Questo tipo di intervento riguarda in genere i rifiuti stoccati in passato, abusivamente o comunque con modalità incompatibili con la sicurezza dell’ambiente e della salute umana, la cui volumetria sia tale da non permettere la rimozione ed il trattamento. Il progetto di bonifica prevede il completo e permanente isolamento dei rifiuti e la contestuale bonifica delle aree che sono state inquinate a causa dello stoccaggio dei rifiuti. Il Decreto definisce inoltre:

Anteprima della Tesi di Federico Congiu

Anteprima della tesi: Effetti delle zeoliti naturali sul processo di phytoremediation di terreni contaminati da zinco e piombo, Pagina 7

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Federico Congiu Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4040 click dal 26/01/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.