Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un Corpo Altro - Il perturbante delle trasformazioni corporee nel cinema

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 In ambito scientifico i modelli positivisti sono andati sgretolandosi alla luce di questa consapevolezza. La storia ci ha condotto attraverso varie tappe al mondo attuale, quello del possibile. La logica della complessità ridisegna il tangibile e la semplificazione è ammessa solo come lecito strumento didattico. E’ una realtà che ha perso molti dei suoi postulati, l’era della crisi degli assiomi, il trionfo dei punti di vista. Lo sfondo di questo lavoro è costituito da due universi connotati decisamente da poliedricità di significati: la psicologia e l’arte. Non esiste una psicologia, esistono invece le psicologie, differenti scuole di pensiero con asincronie e contraddizioni spesso notevoli; non esiste nemmeno un’idea univoca di arte e le sue estensioni sono numerose. Avvicinando questi mondi parlando di psicologia dell’arte, il discorso non può che complicarsi. Le domande rapidamente si moltiplicano: cosa studia esattamente la psicologia dell’arte? Qual è il suo statuto? Quale psicologia studia quale arte? Il rischio intuibile è di perdersi, di confondere e di confondersi; la speranza è di dare a tutti gli elementi intervenienti una giusta collocazione, un nome. Procedo dunque con il processo di semplificazione. Nel presente lavoro, lo sfondo teorico è la psicoanalisi dell’arte che secondo Stefano Ferrari riassume un po’ tutte le tensioni della psicologia dell’arte in generale a cui prima accennavamo (Ferrari,1999). Mi occuperò anche di cinematografia, arte giovane e molto impegnativa dal punto di vista semiotico. I contatti tra psicoanalisi e arte sono molti; la psicoanalisi ha trovato spontaneamente nella creazione artistica uno straordinario ambito al quale applicare le proprie categorie concettuali così come l’arte, la letteratura in particolare, ha subito il fascino della psicoanalisi. “Stimato dottore, da molti anni sono consapevole della vasta coincidenza che sussiste tra le Sue e le mie interpretazioni di parecchi problemi psicologici ed erotici […]. Ora può immaginare quanta gioia mi ha dato e quanto mi hanno commosso le righe nelle quali anche Ella mi dice di aver attinto stimolo dai miei scritti.” (in Freud, 1919). Questa potrebbe apparire una comunicazione tra due psicologi, in realtà è il frammento di una lettera che Sigmund Freud scrisse ad Arthur Schnitzler nel maggio del 1906 e ben dimostra la citata attrazione reciproca.

Anteprima della Tesi di Renato Barucco

Anteprima della tesi: Un Corpo Altro - Il perturbante delle trasformazioni corporee nel cinema, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Renato Barucco Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8816 click dal 27/01/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.