Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione economico-finanziaria nel project financing. Il caso Parco Millennium del Canavese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 Il Project Financing monitorare che le condizioni di gestione e manutenzione dell’impianto si mantengano su livelli standard. • Consulente finanziario (advisor), questo ruolo è di solito assunto da una primaria banca d'investimento, che assiste i promotori nella redazione e negoziazione dei principali contratti relativi al progetto, nonché nella stesura del business plan, il quale deve, a sua volta, deve consentire di elaborare il mix delle fonti di finanziamento da attivare per il supporto del progetto e, insieme alle altre informazioni raccolte, costituiscono l’"information memorandum", cioè il documento fatto circolare dall’advisor per contattare i potenziali finanziatori e iniziare a negoziare i termini del finanziamento. Tale figura ha anche il compito di assistere i promotori nella negoziazione del “term sheet”, documento che stabilisce i termini e le condizioni del finanziamento, e della documentazione con l’arranger fino alla chiusura del contratto. Il suo compenso per l’attività di advisory si articola in una parte destinata alla copertura dei costi sostenuti durante la fase di studio ed elaborazione della proposta e in una parte, decisamente più consistente, che viene corrisposta solo in caso di successo dell’operazione, calcolata su base percentuale, in modo da incentivare l’advisor a strutturare l’operazione secondo le condizioni più convenienti per gli sponsor. • Arranger, tale ruolo viene svolto da banche commerciali, con una buona esposizione internazionale e una considerevole solidità finanziaria 4 . Più precisamente l’"arranging" consiste nell’ottenimento del mandato a strutturare e gestire il contratto di finanziamento dal prenditore di fondi (la società di progetto): tanto che l’arranger deve essere in grado di contattare il più ampio numero di banche interessate a partecipare all’operazione e deve svolgere un’attività di coordinamento, frequentemente viene fornita anche una garanzia di "underwriting" (per la quale la banca percepisce consistenti compensi), con la quale l’istituzione finanziaria s'impegna a sottoscrivere la quota di finanziamento rimasta non collocata. Nella pratica tale ruolo può sovrapporsi a quello di advisor, nel qual caso, il conflitto d'interessi può essere notevole, anche se, un impegno diretto attraverso la clausola di underwriting dovrebbe costituire un forte segnale nei confronti delle altre banche. L’arranger viene remunerato attraverso una commissione su base percentuale, calcolata sul valore del debito sindacato, mentre una parte di queste commissioni 4 Circolare ABI del 14/08/2000. 17

Anteprima della Tesi di Pierluigi Padovan

Anteprima della tesi: La valutazione economico-finanziaria nel project financing. Il caso Parco Millennium del Canavese, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pierluigi Padovan Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4838 click dal 25/01/2005.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.