Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli elefanti del Tarangire. Uso dell'habitat e modelli di aggregazione nella stagione delle piogge

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7Capitolo 1 temporale, si pensa si sia evoluta nel Miocene o anche prima. Elephas si sviluppano in Africa e quindi si espandono attraverso l’Eurasia. Loxodonta si conoscono solo in Africa. Mammuthus sorgono nell’A frica sub-Sahariana durante il medio Pliocene e sono scomparsi qua per evolversi in un diverso numero di specie in Eurasia e Nord America (Nowak, 1999). Dell’ordine dei proboscidati, attualmente, si ha una sola famiglia vivente, l’Elephantidae con due generi viventi: Elephas , in Asia, e Loxodonta in Africa. I più antichi fossili di Loxodonta sono stati trovati in Uganda, datati 5,5-6,0 milioni di anni fa (Tassy, 1995). La prima specie fu Loxodonta adaurora originaria dell’A frica orientale e quindi diffusasi attraverso le regioni sub-sahariane. Durante il primo Pleistocene si registra la presenza nel nord e sud Africa del congenere, più grande e più specializzato, Loxodonta atlantica. I primi fossili attribuiti a Loxodonta africana potrebbero indicare una discendenza da Loxodonta adaurora attraverso forme non conosciute (Maglio 1973; per ipotesi alternative Beden 1983 e Kalb et al., 1996). Il declino e la scomparsa di Loxodonta adaurora e di Loxodonta atlantica coincide con l’apparizione in Africa, dall’A sia, di Elephas recki e Ele- phas tolensis. Con la scomparsa di Elephas dall’A frica, nel tardo Pleistocene, Loxodonta rimase l’unico genere d’elefante dell’ampio continente. La tassonomia, delle varie forme di Loxodonta africana è stata molto dibattuta (Maglio, 1973; Spinage, 1994; Grubb et al., 2000). Durante il periodo coloniale era motivo di orgoglio, per i cacciatori sportivi, che esistessero sottospecie battezzate in loro onore quando essi fi nanziavano le spedizioni fi nalizzate a rifornire i musei; furono così designate ben 18 sottospecie diverse (Spinage, 1994). Nel 1971 Ansell suggerì di dividere il genere in due gruppi: a) gli elefanti di foresta con due sottospecie: una vivente, Loxodonta cyclotis, ed una estinta, Loxodonta a. pharaohensis. b) gli elefanti di savana con quattro sottospecie Loxodonta africana (del sud Africa), Loxodonta a. knockenhauteri (Tanzania, Kenya, sud-est di Somalia e Uganda), Loxodonta a. oxyotis (del nord-est del Sudan), Loxodonta a. orleansi (del nord della Somalia e del- l’Etiopia occidentale). Recenti studi morfologici e genetici indicano che questi due gruppi, fi no ad ora considerati sottospecie, hanno un pool genetico così differente da poter essere considerati vere e pro-

Anteprima della Tesi di Simona Dogà

Anteprima della tesi: Gli elefanti del Tarangire. Uso dell'habitat e modelli di aggregazione nella stagione delle piogge, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Simona Dogà Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 848 click dal 23/02/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.