Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalla strategia ai comportamenti: la Balanced Scorecard come sistema di valutazione delle prestazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Indicatori economico-finanziari Limiti all’approccio tradizionale del controllo strategico 14 1.3 INDICATORI ECONOMICO-FINANZIARI Storicamente il sistema di misura adottato dall’economia è quello contabile. Possiamo far risalire le prime tracce di registrazioni contabili delle transazioni economiche a migliaia di anni fa quando erano usate da antichi egizi, fenici e sumeri per facilitare le transazioni commerciali. Facendo un salto al secolo appena trascorso, le innovazioni finanziarie, come l’indicatore di redditività sul capitale investito (ROI), il budget operativo e il budget di cassa, furono decisive per il grande successo di moltissime imprese. La forte tendenza nel secondo dopoguerra di diversificazione, ha creato una richiesta interna di rapporti e valutazioni delle performance dell’unità di business, una pratica usata in modo molto massiccio. Tuttavia molti autori hanno criticato l’uso estensivo, o addirittura esclusivo, di misure finanziarie nelle imprese, ponendo eccessiva enfasi al raggiungimento e al mantenimento dei risultati economici a breve termine che inducono ad eccedere negli investimenti con ritorno a breve termine, limitando così la creazione di valore a lungo termine, in particolare nel campo dei beni immateriali ed intellettuali che generano una crescita prospettica. E’ inevitabile che quando i manager subiscono forti pressioni per conseguire a breve termine performance economico-finanziarie di alto livello, ci siano degli svantaggi che limitano la ricerca di investimenti nelle opportunità di futura crescita. Peggio ancora, questo tipo di comportamento, può indurre l’impresa a ridurre le spese per la creazione di nuovi prodotti, il miglioramento dei procedimenti, il potenziamento delle risorse umane, la tecnologia, i database e i sistemi informazione, oltre che per lo sviluppo della clientela e del mercato. A livello contabile, questi elementi determineranno delle uscite nel breve con maggiori costi ma osservando le prospettive future, essi sono utili, per non dire indispensabili, per la futura permanenza sul mercato dell’impresa. Cosa dire di un’azienda specializzata nel mondo Internet che cresce del 10%? Bene rispetto al passato ma drammatico rispetto al potenziale ottenibile. Come valutare un’azienda del comparto tecnologico che azzera i costi di ricerca e sviluppo? Bene sul piano economico ma disastroso per le prospettive del futuro. Il fatto di privilegiare il ROI o il ROE nella misurazione delle prestazioni può portare a trascurare la valutazione di qualsiasi miglioramento della posizione competitiva dell’impresa; ad esempio l’ampliamento della quota di mercato o il miglioramento della qualità dei prodotti, che costituiscono elementi che garantiscono la

Anteprima della Tesi di Dino Sabellico

Anteprima della tesi: Dalla strategia ai comportamenti: la Balanced Scorecard come sistema di valutazione delle prestazioni, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Dino Sabellico Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10881 click dal 26/01/2005.

 

Consultata integralmente 44 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.