Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il design nell'azienda, l'azienda nel design. Il caso Kartell.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 1.1.1. Grant McCracken: il consumo originato dalla politica Secondo lo studioso Grant McCracken 2 il consumo ha cominciato ad avere un ruolo importante in Europa grazie alle trasformazioni in atto nell’Inghilterra elisabettiana della fine del XVI secolo. Il principio guida di Elisabetta I fu quello di centralizzare il potere nelle sue mani, avendo il pieno controllo sui favori che i nobili richiedevano alla corona, e di mostrare al mondo lo splendore e l’opulenza del suo governo attraverso cerimonie e spettacoli sontuosi. Mantenere questa ricchezza si rivelò economicamente dispendioso e la regina trovò il modo di far pagare alla nobiltà parte delle spese. Vi riuscì modificando il rituale di corte in vigore fino ad allora: i nobili, che erano abituati a ricevere doni e favori dalla corona attraverso vari intermediari senza spostarsi dalla loro residenza, si videro obbligati a recarsi direttamente a Londra al cospetto della sovrana e a partecipare al cerimoniale regale nel tentativo di distinguersi gli uni dagli altri attraverso abiti sempre più raffinati, feste più sontuose e regali più costosi. I nobili si trovarono costretti a sperperare molto denaro per recarsi nella capitale e contendersi i favori della regina in quanto la competizione con i pari grado era notevole. L’affermazione, che potrebbe sembrare strana, che il consumo avrebbe avuto origine dalla sfera politica, e non dai desideri dei singoli, trova quindi per l’autore legittimazione nelle conseguenze di questa inversione di tendenza approntata da Elisabetta I. La regina infatti diede impulso ad una vera e propria accelerazione dei consumi ostentativi all’interno della corte che determinò importantissime conseguenze all’esterno di essa, in quelli che erano i rapporti delle famiglie con i beni. 2 Grant McCracken, Culture and Consumption. New Approaches to the Symbolic Character of Consumer Goods and Activities, Bloomington and Indianapolis, Indiana University Press, 1988. Cfr. Egeria Di Nallo (a cura di), Il significato sociale del consumo, Roma, Editori Laterza, 1997, pp.175-185 e anche Vanni Codeluppi, La sociologia dei consumi. Teorie classiche e prospettive contemporanee, Roma, Carocci Editore, 2001, pp.21-22; 119-123.

Anteprima della Tesi di Giulia Calabrò

Anteprima della tesi: Il design nell'azienda, l'azienda nel design. Il caso Kartell., Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Giulia Calabrò Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13247 click dal 27/01/2005.

 

Consultata integralmente 36 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.