Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La posizione delle confessioni religiose all'interno del procedimento di intesa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 confessioni diverse dalla cattolica 25 . Il clima politico mutò definitivamente, anche a livello governativo, in occasione della riforma concordataria, che, in un certo senso, veniva a legittimare la bilateralità anche nel dialogo con le altre confessioni religiose. Fu l’allora presidente del consiglio Andreotti che, riferendosi alla revisione del Concordato, precisò che alla stessa Commissione che conduceva le trattative con la S. Sede era stato affidato “un altro delicato affare di Stato e cioè la predisposizione, sentendo i relativi responsabili, di aggiornate norme riguardanti le confessioni religiose diverse dalla cattolica...” 26 . Così facendo il governo manifestò l’intento di attribuire adeguata solennità ai rapporti con le altre confessioni religiose e, implicitamente, sottrasse al Ministero dell’interno la competenza sull’attuazione dell’art. 8 Cost., che venne affidata ad una commissione nominata dal Presidente del Consiglio. Questo comportò, come si è giustamente rilevato 27 , una svolta, per la quale i rapporti con le confessioni acattoliche divenivano, per la prima volta, materia di rango politico e costituzionale. Evoluzione che senza dubbio fu conseguenza dell’avvio delle trattative per la revisione concordataria, conclusione avvalorata da numerosi indizi, tra i quali, il fatto che il Presidente del Consiglio si espresse sull’argomento nel corso di un dibattito sulla revisione concordataria e, ancor più, l’identità della commissione 28 . Dopo il 1984, anno in cui venne firmato l’accordo di revisione del Concordato e della prima intesa 29 la stipula di nuove intese incontrò meno difficoltà. Si giunse così, nell’arco di circa un decennio (‘84- ‘95), alla firma, seguita dalla relativa legge di approvazione, di sei intese, cinque delle quali con 25 G. Long, Le confessioni religiose, cit. , p. 34 e ss. 26 G. Long, Enciclopedia giuridica, Intese, cit. , p. 2. 77 G. Long, Le confessioni religiose, cit., p. 43 e ss. 28 T. Arnone, Sulle intese tra Stato e confessioni acattoliche, cit., p. 812 29 Con le Chiese rappresentate dalla Tavola valdese.

Anteprima della Tesi di Paolo Anti

Anteprima della tesi: La posizione delle confessioni religiose all'interno del procedimento di intesa, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Paolo Anti Contatta »

Composta da 216 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4569 click dal 26/01/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.