Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La condizione giuridica dello straniero nell'ordinamento italiano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 materia di immigrazione e non si era ancora adeguata al “sistema di controllo Schengen” e alla Convenzione O.I.L. n. 143. Le disposizioni della legge n. 40/98 e alcune norme della vecchia legislazione sull’immigrazione, sono state raccolte nel “testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero”, adottato con decreto legislativo del 25/07/98 n°286. La legge “Turco-Napolitano” provvedeva ad abrogare la precedente legge Martelli, salvo che per l’art. 1, dedicato all’asilo, materia che avrebbe dovuto essere oggetto di un provvedimento “ad hoc” e pertanto stralciata dalla riforma del ’98. La caratteristica peculiare della nuova normativa è la “precarizzazione” (non è sbagliato affermare che trasforma i migranti in “razze inferiori” legittimando pratiche discriminatorie dei cittadini) della condizione giuridica del migrante “regolare”, considerato dal nostro ordinamento come un “ospite in prova perpetua” non essendo praticata né la strada della stabilizzazione né quella dell’integrazione. La legislazione in tema di immigrazione concepisce il migrante come soggetto pericoloso per l’ordine pubblico: ecco perché l’autorità di polizia, con vigilanza costante e invasiva, è di fatto, in Italia, il vero gestore dei movimenti migratori attraverso “l’amministrativizzazione” dei diritti fondamentali dello straniero. Il legislatore ha previsto all'art. 12 della legge n. 40 del ‘98 (art. 14 T.U. n. 286/98) il trattenimento in centri di permanenza temporanea (e assistenza) degli stranieri sottoposti a provvedimento di espulsione o di respingimento con accompagnamento coattivo alla frontiera non immediatamente eseguibile.

Anteprima della Tesi di Giuseppe Rinaldi

Anteprima della tesi: La condizione giuridica dello straniero nell'ordinamento italiano, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppe Rinaldi Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7745 click dal 27/01/2005.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.