Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Euroregione Alto Adige-Suedtirol: un modello di convivenza interetnica in Europa?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 tra la concezione che l’individuo ha di sé e l’immagine di sé che gli altri gli rimandano. Essa è dunque sia un fattore determinante sia un prodotto dell’interazione sociale; è ad essa che, sia l’individuo sia gli altri attribuiscono credito e responsabilità, ed è in base ad essa che si possono fare previsioni sul comportamento futuro. La scuola fenomenologica ha un approccio descrittivo piuttosto che analitico- sistematico riguardo al rapporto tra identità individuale e norme e valori sociali. Nella prospettiva fenomenologica l’identità è un concetto chiave per la comprensione teoretica del modo in cui la “realtà oggettiva” diventa “realtà soggettiva”, entra cioè a far parte della coscienza degli individui 8 . Attraverso il processo di socializzazione queste “conoscenze oggettive” sono progressivamente interiorizzate dall’individuo e diventano strutture della coscienza individuale, diventando cioè elementi costitutivi della sua identità. Niklas Luhmann sgancia l’identità dal soggetto dalla capacità della coscienza. Il concetto di identità non è più definito attraverso quello di soggetto, ma piuttosto attraverso quello di sistema. L’identità è ciò che orienta le selezioni di un sistema e rende possibile la costituzione di una differenza tra sistema e ambiente. Diversamente da Parsons questa funzione di orientamento (senso) non si basa su un sistema di valori condiviso, ma è piuttosto “regolata” da quelli che Luhmann definisce “mezzi di comunicazione generalizzati” (il potere, la verità, l’amore e il denaro) che garantiscono la trasferibilità sociale delle prestazioni selettive. L’identità dunque non si risolve interamente nel senso. Essa è pensata anche come un meccanismo di stabilizzazione e di mantenimento del sistema. Ritengo ora opportuno passare all’analisi del concetto di identità etnica. 8 Berger P., Luckmann T., La realtà come costruzione sociale, Il Mulino, Bologna, 1966

Anteprima della Tesi di Antonio Iovieno

Anteprima della tesi: Euroregione Alto Adige-Suedtirol: un modello di convivenza interetnica in Europa?, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Antonio Iovieno Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2184 click dal 31/01/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.