Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forme amorfe in un campo vitale: i gruppi creativi nella vita e nel pensiero di Gregory Bateson

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

ai suoi ragazzi, dopo colazione, dei brani dal Vecchio Testamento, dei brani di prosa, o da Shakespeare. La famiglia di William Bateson si considerava senza Dio eccetto, forse, per la devozione alle scienze. 30 Si potrebbe descrivere l’atteggiamento di W. Bateson davanti al mistero e al sacro con le parole che Roberto Mussapi in Inferni, mari, isole, Storie di Viaggi nella letteratura usa per descrivere la diade Ismaele e Achab, di Moby Dick: I due marinai vogliono solo conoscere, solo capire, poiché vivono in un’età in cui l’amore ha assunto spesso le vesti di impresa scientifica, in cui la scienza, quando non impazzisce, è amore. 31 Nel 1910 la famiglia Bateson si spostò a Merton, fuori Londra. Decisero di mandare Gregory ad una scuola religiosa tranquilla a Wardenhouse a tempo pieno, perché non imparasse l’accento del quartiere. Gregory ricordava: Mi dissero che a scuola probabilmente avrei dormito in un dormitorio, e che era meglio guardare cosa facevano gli altri e farlo, e quando pregavano io potevo fare lo stesso dicendo e ripentendo l’alfabeto otto e più volte. 32 Gregory provava per suo padre fascino e preoccupazione, e nei confronti dei suoi due fratelli più vecchi si sentiva “come il terzo di una coppia di gemelli”, erano i suoi modelli e i suoi mentore. “Erano loro” disse Margare Mead anni dopo “che ricevevano tutte le attenzioni, e che erano considerati a diventare bravi [clever ones]”. Ricorda Gregory Bateson Ero sempre uno stupido. O credevo di essere etichettato così. E pensavo che probabilmente lo ero. … Egli [William Bateson] era sempre un po’ imbarazzato [per me]. …Avuti i risultati degli esami del college li mandai a casa. Vinsi la prima onorificenza. Egli tossicchiò ed esitò e disse «è bello sapere che tu sei un poco meglio degli altri, Gregory». 33 30 Cfr. Idem, pp. 28-29. 31 Mussapi R., Inferni, mari, isole. Storie di Viaggi nella letteratura, Bruno Mondadori, Milano, 2002, p. 63. Forse solo quei “solo” sono di troppo! 32 Comunicazione personale di Bateson G. a Lipset D., citata in Lipset D., Gregory Bateson: Early Biography, op. cit., p. 29. 33 Comunicazione personale di Bateson G a Lipset D., citata in Lipset D., Gregory Bateson: Early Biography, op. cit., p. 27. 19

Anteprima della Tesi di Cristiano Zancarli

Anteprima della tesi: Forme amorfe in un campo vitale: i gruppi creativi nella vita e nel pensiero di Gregory Bateson, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Cristiano Zancarli Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1284 click dal 31/01/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.