Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecniche di sincronizzazione di simbolo per modulazioni M-QAM

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione ____________________________________________________________________________________________________ 3 Ogni cella opera in modo punto-multipunto (Point to Multipoint, PMP) in cui la stazione radio base (Base Station, BS), localizzata approssimativamente al centro della cella, comunica con un certo numero di terminali distribuiti all’interno della cella. La comunicazione tra la stazione radio base e i terminali deve essere bidirezionale, quindi le risorse radio devono essere ripartite tra i percorsi downlink (dalla BS al terminale) e uplink (dal terminale alla BS). In particolare, per distinguere tra loro le comunicazioni uplink e downlink, vengono impiegati due schemi di duplicazione, uno nel dominio della frequenza (Frequency Division Duplex, FDD) e uno nel dominio del tempo (Time Division Duplex, TDD). Sia in uplink che in downlink i dati trasmessi sono multiplati nel dominio del tempo, cioè la banda a disposizione viene suddivisa in un certo numero di canali, detti timeslot, aventi ciascuno una durata temporale fissa. Per l’uplink questo corrisponde ad una trasmissione di tipo a pacchetto, in cui l’utente trasmette il proprio timeslot e quindi interrompe la trasmissione fino al successivo intervallo di banda assegnatoli. Per il downlink, invece, nonostante ci sia la stessa suddivisione in timeslot la trasmissione può essere considerata di tipo continuo poiché la stazione radio base trasmette continuamente timeslot assegnati ad utenti diversi. La modulazione utilizzata in entrambe le direzioni è di tipo M-QAM (Quadrature Amplitude Modulation) e la frequenza di trasmissione dei dati può variare fino a 25Mbit/s. In particolare, per il downlink il numero di simboli M può essere pari a 4, 16 o 64 e i bit vengono codificati mediante il codice di Gray, mentre in uplink si possono avere 4 o 16 simboli e i bit sempre codificati mediante il metodo Gray in modo che la probabilità d’errore dei bit si possa semplicemente ottenere da quella dei simboli, dividendola per il numero di bit per simbolo. In questa tesi viene considerata la trasmissione downlink mediante la modulazione 64-QAM che rappresentano le condizioni di lavoro peggiori dal punto di vista degli effetti del rumore e dei disturbi.

Anteprima della Tesi di Andrea Bianchi

Anteprima della tesi: Tecniche di sincronizzazione di simbolo per modulazioni M-QAM, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Andrea Bianchi Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1333 click dal 01/02/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.