Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Orientamenti giurisprudenziali e dottrinali sull'art. 2103 del c.c. in tema di mansioni del lavoratore

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Le mansioni rappresentano dunque il criterio di determinazione qualitativa( 1 ) della prestazione lavorativa che il datore può esigere dal lavoratore. In un senso ancora più elementare, costituiscono l’insieme tipico dei compiti lavorativi cui il dipendente è tenuto ad assolvere: le mansioni si identificano perciò nel complesso tipico delle singole unità elementari del facere 2 . Precisamente, le mansioni, secondo l’accezione tecnico-giuridica del termine, indicano il contenuto della prestazione lavorativa che viene in tal modo individuata alla stregua dei modelli proposti dall’esperienza organizzativa del lavoro all’interno delle aziende( 3 ). Alla luce di ciò emerge che, nel contratto di lavoro il contenuto delle obbligazioni, quindi la stessa prestazione lavorativa, si identifica appieno mediante l’indicazione delle mansioni di assunzione( 4 ). Si comprende, al contrario, che per indicare i vari compiti per lo svolgimento dei quali il lavoratore viene assunto, e nei quali è scomponibile l’organizzazione del lavoro di una data impresa, il ( 1 ) Cfr. F. Liso, La mobilità del lavoratore in azienda: il quadro legale, Ed. Angeli, Milano, 1982, p. 9. ( 2 ) Si rinvia a M. Brollo, Il codice civile, commentario: La mobilità interna del lavoratore, diretto da P. Schlesinger, Milano, 1997, Giuffrè, p. 4. ( 3 ) Cfr. R. Scognamiglio, Diritto del Lavoro, Napoli, 1997, Jovene, p. 230. ( 4 ) Cfr. E. Ghera, Diritto del Lavoro: Il rapporto di lavoro, Bari, 2002, Cacucci, p. 193.

Anteprima della Tesi di Angelo Milito

Anteprima della tesi: Orientamenti giurisprudenziali e dottrinali sull'art. 2103 del c.c. in tema di mansioni del lavoratore, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Angelo Milito Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3996 click dal 31/01/2005.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.