Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1: I Fondi strutturali 10 La definizione di coesione che si è data l’Unione Europea si basa sulla eguaglianza e sull’equità, ed è in questo contesto che si colloca la ridistribuzione delle risorse dalle regioni più ricche a quelle più svantaggiate, come può essere rilevato anche dal testo dell’art. 2 del Trattato il quale afferma che : “La Comunità ha il compito di promuovere nell'insieme della Comunità, mediante 17 l'instaurazione di un mercato comune e di un'unione economica e monetaria […] uno sviluppo armonioso, equilibrato e sostenibile delle attività economiche, un elevato livello di occupazione e di protezione sociale, la parità tra uomini e donne, una crescita sostenibile e non inflazionistica, un alto grado di competitività e di convergenza dei risultati economici, un elevato livello di protezione dell'ambiente ed il miglioramento della qualità di quest'ultimo, il miglioramento del tenore e della qualità della vita, la coesione economica e sociale e la solidarietà tra Stati membri”. Dunque il mercato comune e l’unione economica e monetaria non sono altro che i mezzi, e non i fini, per raggiungere tali obiettivi 18 . Secondo un’altra teoria 19 invece, la riforma dei Fondi non è altro che la consacrazione ufficiale della politica regionale, della linea d’azione intrapresa dalla Comunità già negli anni ’70, ma che trova, nell’AUE prima e nel Trattato di Maastricht dopo, una esplicita base giuridica, una riorganizzazione e un rafforzamento. La riforma del 1988, dunque, non avrebbe avuto altro scopo se non quello di razionalizzare quanto già accadeva a livello di politiche regionali. 17 Corsivo nostro. 18 V. Guizzi, Manuale di diritto e politica dell’Unione Europea, Napoli, Editoriale Scientifica, 2000, pag. 771. 19 R. Sapienza, La politica di coesione economica e sociale, Bologna, Il Mulino, 2000

Anteprima della Tesi di Silvana Manca

Anteprima della tesi: I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Silvana Manca Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7850 click dal 01/02/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.