Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1: I Fondi strutturali 13 La validità del sistema di coesione non veniva assolutamente messa in discussione, ma era necessario apportare una serie di miglioramenti, soprattutto di carattere burocratico: le procedure per accedere alle risorse comunitarie risultavano essere troppo laboriose e occorreva quindi semplificarle. Inoltre era necessario migliorare il sistema di controllo finanziario e della trasparenza 28 . Se l’Atto Unico ha segnato un passo importante per aver introdotto il capitolo sulla coesione economica e sociale, il Trattato sull’Unione Europea (TUE) ha fatto di tale politica, una delle tre priorità dell’UE. Le altre due, come si legge dall’art. B 29 , TUE, sono l’ultimazione del Mercato Unico e la realizzazione dell’UEM. Se si confronta tale articolo con l’art. 2 dell’AUE, ci si rende subito conto dell’importantissimo passo in avanti fatto dal Trattato di Maastricht. Prima, la coesione economica e sociale sembra essere uno dei tanti obiettivi da perseguire, ora invece, diventa una politica vera e propria, sembra essere essa stessa uno strumento necessario al raggiungimento degli obiettivi cui l’Unione aspira 30 . Il Trattato di Maastricht ha introdotto delle novità importanti come l’istituzione del Comitato delle Regioni e del Fondo di Coesione, e una nuova riforma di bilancio che ha aumentato le risorse a disposizione della politica regionale. Nel periodo 1994-1999, che è quello della programmazione che segue la seconda riforma, sono state messe a disposizione dei fondi, risorse pari a 141 miliardi di ecu, cioè quasi un terzo del bilancio totale e oltre il doppio delle risorse messe a disposizione per il periodo precedente 31 . 28 A. Bruzzo, A. Venza, Le politiche strutturali e di coesione economica e sociale dell’Unione Europea: un’analisi introduttiva con particolare riferimento all’Italia, Padova, CEDAM, 1998, pag. 139. 29 Ora art. 2, TUE. 30 L’art. B, TUE, recita: “L’Unione si prefigge i seguenti obiettivi: -promuovere un progresso economico e sociale e un elevato livello di occupazione e pervenire a uno sviluppo equilibrato e sostenibile, soprattutto mediante la creazione di uno spazio unico senza frontiere, il rafforzamento della coesione economica e sociale e l’instaurazione di un’unione economica e monetaria che comporti a termine una moneta unica, in conformità delle disposizioni del presente trattato; […]”. 31 L. Monti, I Fondi strutturali…,opera citata, pag. 42

Anteprima della Tesi di Silvana Manca

Anteprima della tesi: I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Silvana Manca Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7851 click dal 01/02/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.