Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 I FONDI STRUTTURALI 1.1 Il Titolo XVII del Trattato CE: Coesione economica e sociale. Sebbene l’Unione Europea sia una delle zone più ricche del mondo, al suo interno esistono enormi disparità, soprattutto tra le zone centrali e quelle periferiche. Per ovviare a questi squilibri, le istituzioni provvedono a un trasferimento di risorse dalle zone più ricche a quelle più povere della Comunità, attraverso strumenti che hanno lo scopo di agire da contrappeso agli effetti del mercato interno e che ricadono sotto il nome generale di politiche di coesione. Si tratta di un obiettivo che è stato perseguito già a partire dagli anni ’70 e che non si può ancora dire concluso, ma che ha via via ricoperto un’importanza sempre maggiore, anche a causa dell’ingresso 1 , all’interno della Comunità stessa, di Paesi i cui livelli di sviluppo sono di gran lunga inferiori a quelli dei Paesi fondatori. Per la politica di coesione economica e sociale, il processo di allargamento contiene implicazioni tali da incidere profondamente sull’assetto metodologico, finanziario e operativo che attualmente sta alla base della sua impostazione 2 . Il principale strumento attraverso cui tale redistribuzione viene effettuata sono i Fondi strutturali. La strada che ha portato alle politiche strutturali come oggi le conosciamo, è stata lunga e l’ingresso dei nuovi Stati membri e le prospettive di un allargamento sempre più a Est, fanno sì che tale percorso non si possa dire ancora concluso, ma sia anzi in continua evoluzione. 1 L’ultimo allargamento, avvenuto il 1 maggio 2004, ha aperto le porte dell’Europa a ben 10 Paesi c.d. ex-PECO che sono: Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Slovenia, Ungheria, Malta e Cipro. 2 G. Mele, Allargamento dell’UE e riforma della politica regionale e di coesione, in Rivista Economica del Mezzogiorno, n. 4/2002, pag. 877

Anteprima della Tesi di Silvana Manca

Anteprima della tesi: I Fondi strutturali: norme e procedure di utilizzo con particolare riferimento alla Regione Sardegna, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Silvana Manca Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7850 click dal 01/02/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.