Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il posizionamento strategico come driver competitivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Secondo l’autore, la conseguenza più evidente dell’influenza di questi fattori sul comportamento d’acquisto del consumatore è una maggiore riflessività e una maggiore varietà negli atti d’acquisto, i quali sempre più rifuggono da modelli comportamentali definibili con precisione. Molti autori sottolineano sia il maggior livello informativo di cui si dota il consumatore 8 nei confronti dell’offerta, sia l’incremento notevole delle aspettative e soprattutto la diffidenza nel concedere fedeltà 9 incondizionata. Infatti, il consumatore ha sì ottenuto un’economia di varietà, ma al contempo ad essa si è affiancata una parallela diseconomia di confusione. Quale ulteriore elemento generatore di complessità, è unanimemente riconosciuto il processo d’internazionalizzazione dei mercati che facilitando la proliferazione degli attori all’interno dell’arena competitiva, ormai divenuta globale, crea una significativa pressione sui prezzi e una notevole erosione dei margini di profitto. Ulteriore pressione sui prezzi, e sui margini di profitto, viene esercitata anche dalla progressiva compressione del ciclo di vita dei prodotti. 10 8 Il comportamento del consumatore si è sostanzialmente evoluto negli ultimi anni. Si veda Fabris G., Il nuovo consumatore verso il post-moderno, Franco Angeli, Milano, 2003. Secondo l’autore si possono riscontrare nel modello attuale di consumo alcune nuove caratteristiche. Il nuovo consumatore per Fabris è divenuto autonomo nei confronti della produzione, competente e in possesso di informazioni quantitativamente e qualitativamente migliori, esigente riguardo ai livelli di qualità e servizio, più selettivo e meno fedele, più critico e consapevole nelle scelte, orientato al senso olistico, disincantato, pragmatico e realista. Si veda anche Collesei U., Iseppon M., Strategie di crescita della marca, Working Papers Università Ca’Foscari, Venezia, 2003, p.2 e Lambin J.J, Marketing strategico e operativo, McGraw-Hill, Milano, 2000, pp.40-42. 9 Sul tema dell’infedeltà si rimanda a Minestroni L., L’alchimia della marca, Franco Angeli, Milano, 2003, pp.202-203. 10 Per una trattazione sulle variabili e sulle tendenze che aumentano la complessità attuale dei mercati, con particolare riferimento ai mercati agroalimentari, si veda anche Foglio A., Il marketing agroalimentare, Franco Angeli, Milano, 1997, pp. 14-26.

Anteprima della Tesi di Filippo Colonna

Anteprima della tesi: Il posizionamento strategico come driver competitivo, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Filippo Colonna Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16502 click dal 04/02/2005.

 

Consultata integralmente 47 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.