Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il c.d. Approccio transnazionale al controllo delle attività delle imprese multinazionali: il fenomeno dei codici di condotta privati

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

XX statale 38 di produzione delle regole, e conseguentemente di eteronomia del diritto per i soggetti non statali (le IMN nel caso di specie). Al di fuori del recinto “filosofico” del “monismo giuridico 39 ”, minimo comune denominatore di entrambi gli approcci descritti, si collocherebbe, complementare e non alternativa, una “terza via” -quella transnazionale- la quale proietta la questione del controllo delle IMN oltre le due classiche estrinsecazioni (interna ed internazionale) dell’attività di normazione svolta dallo stato. Il termine “transnazionale” qualifica, infatti, nella letteratura giuridica “quei fenomeni che non sono interamente inter-statali” 40 o meglio, prendendo a prestito la più esplicita nozione politologica, “quelle interazioni che attraversano i confini nazionali e che hanno per protagonista almeno un attore non governativo 41 ”. L’approccio transnazionale aprirebbe la strada ad una visione “pluralistica” del diritto internazionale e quindi all’eventualità che lo stesso possa essere creato non solo da quei tradizionali “law-makers” che sono gli stati (operanti ora uti singuli ora nell’ambito di organizzazioni internazionali) ma anche da soggetti non statali, quali appunto le IMN, che ne sono i destinatari 42 . Questo è, almeno in linea generale, lo scenario in cui s’inseriscono i codici di condotta privati delle IMN, che, in prima approssimazione, possono 38 Il piano statale rimanda allo stato in quanto sorgente di diritto interno; il piano interstatale rimanda anch’esso allo stato ma, questa volta, in quanto libero creatore, insieme ad altri suoi pari, di diritto internazionale. 39 Così è detta la teoria kelseniana che, postulata l’unicità dell’ordinamento giuridico, assume lo stato come esclusiva sorgente della dimensione normativa. Si veda infra alla nota 42. 40 P. Merciai, op. cit., p. 37. 41 R. Keohane e J. Nye, op. cit., p. XII. 42 Sul rapporto tra monismo e pluralismo giuridico con riferimento al movimento dei codici di condotta privati delle IMN si veda la più approfondita analisi svolta infra al capitolo secondo, par. 6.1.

Anteprima della Tesi di Gianluca Serra

Anteprima della tesi: Il c.d. Approccio transnazionale al controllo delle attività delle imprese multinazionali: il fenomeno dei codici di condotta privati, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gianluca Serra Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3818 click dal 04/02/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.