Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il c.d. Approccio transnazionale al controllo delle attività delle imprese multinazionali: il fenomeno dei codici di condotta privati

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

XII diversi sistemi legali traendo vantaggio dalle più favorevoli posizioni nell’allocazione delle proprie operazioni 16 . Più precisamente: il fatto che il complesso multinazionale non si componga di società indipendenti tra le quali avvengono libere transazioni ma obbedisca a logiche unitarie 17 inficia la capacità dei singoli stati di porre in essere una legislazione efficace per controllare filiali e succursali di società aventi la sede principale all’estero. Al di là degli oggettivi limiti che ad esso si connettono, un controllo delle IMN operato esclusivamente sul piano nazionale difficilmente risulterebbe foriero di un clima di relazioni internazionali disteso: l’intervento dello stato ospite attraverso una unilaterale regolamentazione delle componenti nazionali di un complesso multinazionale, rischierebbe di determinare un’atmosfera antagonistica con i paesi d’origine, portati ad assumere un analogo atteggiamento unilaterale nei confronti delle IMN eventualmente ospitate sul proprio territorio. Andrebbe ascoltato il monito dei libri di una storia delle relazioni internazionali non troppo lontana conservano la memoria di guerre doganali spietate, preludio commerciale di guerre vere e proprie… 2.2 Il piano interstatuale. Questo secondo livello di controllo è incentrato su una disciplina internazionale, scaturente della cooperazione tra stati. Resta, quindi, ancora una volta lo stato, sia pure nel suo numero plurale e all’interno di un paradigma multilaterale, il fulcro ed il motore della regolamentazione. I germi dell’approccio di tipo interstatuale al fenomeno multinazionale si possono storicamente far risalire alla prima conferenza UNCTAD 18 (1963). 16 C. D. Wallace, op. cit., p. 33. 17 Si veda infra al cap. primo, par. 2.2.

Anteprima della Tesi di Gianluca Serra

Anteprima della tesi: Il c.d. Approccio transnazionale al controllo delle attività delle imprese multinazionali: il fenomeno dei codici di condotta privati, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gianluca Serra Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3818 click dal 04/02/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.