Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La produzione su commessa: il caso Piersantelli s.r.l.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I:La pianificazione strategica 12 specializzati per progetto, ai quali sono assegnate a tempo pieno e per tutta la durata del progetto stesso le risorse necessarie. Al responsabile (project manager) sono attribuite la completa responsabilità di un progetto o di una commessa e l’autorità gerarchica sulle persone e sugli organi “temporaneamente distaccati” dalle funzioni. Questi ultimi sono sottoposti a doppia autorità, dell’organo di progetto e della funzione di afferenza. Le possibilità applicative della struttura per progetto sono massime nelle imprese che producono su commessa; tuttavia anche imprese organizzate funzionalmente possono avere la necessità di sostenere la realizzazione di un particolare progetto con una struttura ad hoc, costituita per un limitato periodo di tempo. Il vantaggio fondamentale di tale struttura consiste nel coordinamento di risorse intorno ad uno specifico progetto; questo stesso carattere può in ogni modo costituire un limite, determinando un’eccessiva focalizzazione delle risorse funzionali su alcuni problemi, soprattutto allorché la durata dei progetti si estenda su un arco di tempo molto lungo. Effettivamente, il permanere di un ammontare fisso di risorse funzionali per tutta la durata del progetto può essere fonte di rigidità, per via della natura fortemente discontinua di alcuni progetti. Ovvero, si potrebbero verificare situazioni nelle quali per un progetto si verifica una temporanea presenza di risorse in eccesso, laddove altri progetti non dispongono delle risorse sufficienti per rispettare i tempi previsti. Le strutture esaminate costituiscono tipi “puri”, che possono prestarsi ad adattamenti o incroci nelle concrete situazioni aziendali: si tratta comunque di configurazioni applicabili a singole situazioni aziendali. Il fenomeno dell’ affievolimento dei confini aziendali e l’accentuata dinamica ambientale hanno tuttavia dato luogo alla diffusione di strutture reticolari (rete di imprese) e di strutture “a configurazione variabile”, la cui forma può cambiare in funzione delle esigenze ambientali e/o strategiche. Caratteristica comune a entrambe le tipologie organizzative è l’esistenza di più unità giuridicamente indipendenti, non necessariamente legate da vincoli di proprietà, le quali contribuiscono sulla base delle loro specifiche

Anteprima della Tesi di Erika Massaro

Anteprima della tesi: La produzione su commessa: il caso Piersantelli s.r.l., Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Erika Massaro Contatta »

Composta da 358 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7486 click dal 08/02/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.