Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Ristorazione Toscana di Qualità - Un'analisi quantitativa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

LA RISTORAZIONE TOSCANA DI QUALITà Un’analisi quantitativa 9 - ristorazione veloce, costituita principalmente da bar, paninoteche, fast- food, self service, ossia da pubblici esercizi (che peraltro nella realtà italiana sono progressivamente proliferati a partire dal 1970 circa) che offrono un servizio di erogazione di pasti, già confezionato o da confezionare al momento, al tavolo o al banco, ma comunemente non strettamente personalizzato e con limitato intervento diretto di operatori, e che quindi presentano una elevata rotazione della clientela, mossa essenzialmente dalla ricerca di un servizio a basso costo. Ora, posto che il settore della ristorazione mira al soddisfacimento di uno dei fondamentali e primari bisogni dell’individuo, ossia quello della nutrizione, e che, come tale, rappresenta addirittura uno dei settori economici di più remota origine nella storia dell’intera umanità, è agevole comprendere come esso risenta direttamente delle modificazioni che investono il tessuto sociale, culturale ed economico di riferimento, e più precisamente delle variazioni che interessano le esigenze, gli stili di vita, e sempre più i gusti dei soggetti che rappresentano la potenziale domanda di consumo di un pasto fuori casa. Da tale punto di vista, infatti, una serie di ricerche compiute 1 hanno messo in luce a partire dal 1970 circa, nella realtà italiana, come le abitudini ed i modelli di consumo dei pasti extradomestici si siano profondamente modificati in termini quantitativi della domanda stessa. L’ampiezza del fenomeno in discussione può essere apprezzato considerando, fra gli altri, alcuni dati statistici: se nel 1988 la ripartizione della spesa alimentare complessiva delle famiglie italiane fra pasti domestici e extradomestici era rispettivamente del 75,1% ed del 24,9% un decennio dopo, nel 1998, le stesse quote si attestano invece al 71,5% ed 28,5%. 1 In particolare, si intende qui fare riferimento a: Nomisma (a cura dell’Osservatorio Agro-Industriale), I Consumi alimentari “fuori casa”. Mercati, imprese, tendenze evolutiva, 1996; Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi), Le caratteristiche strutturali ed operative della ristorazione oggi.

Anteprima della Tesi di Filippo Giustini

Anteprima della tesi: La Ristorazione Toscana di Qualità - Un'analisi quantitativa, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Filippo Giustini Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4229 click dal 07/02/2005.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.