Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Libera circolazione dei lavoratori comunitari e sicurezza sociale (La protezione sociale per coloro che si spostano nell'UE)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI COMUNITARI E SICUREZZA SOCIALE _______________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________ FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA – CATTEDRA DI DIRITTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE 16 Tale decisione incontrava, però, la netta opposizione del Regno Unito, deciso a bloccare qualsiasi intervento comunitario in questo campo e a negare l’assenso all’ introduzione delle disposizioni della Carta fra le disposizioni del Trattato relative alla politica sociale. La contrapposizione fu superata solo facendo ricorso ad uno stratagemma, una soluzione di compromesso (avanzata dal Presidente della Commissione Delors e dal primo ministro olandese Lubbers) che alcuni chiamano “pasticcio” giuridico: il Trattato CE rimaneva sostanzialmente immutato per quanto riguarda gli articoli sulla politica sociale 14 , ma ad esso veniva aggiunto un protocollo, cui è allegato l’Accordo sulla Politica Sociale (APS), sottoscritto da 11 Stati (con esclusione del Regno Unito), che in pratica riscriveva gli articoli del trattato. Nel protocollo, gli undici Stati firmatari venivano autorizzati “a far ricorso alle istituzioni, alle procedure e ai meccanismi del Trattato allo scopo di prendere tra loro e applicare, per quanto di loro competenza, gli atti e le decisioni necessarie per rendere effettivo il suddetto accordo”, specificando inoltre che tali atti e le eventuali conseguenze finanziarie “non sarebbero stati applicabili al Regno Unito”, che in proposito avrebbe usufruito di uno dei cosiddetti opting-out. 14 Il TUE aveva introdotto qualche modifica negli articoli 49 (ora 40), con il passaggio dalla procedura di cooperazione alla nuova procedura di codecisione , nonché nell’ art. 125 (ora 148) con la sostituzione della procedura di cooperazione alla precedente procedura di consultazione.

Anteprima della Tesi di Davide Ciorra

Anteprima della tesi: Libera circolazione dei lavoratori comunitari e sicurezza sociale (La protezione sociale per coloro che si spostano nell'UE), Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Davide Ciorra Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8243 click dal 10/02/2005.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.