Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Libera circolazione dei lavoratori comunitari e sicurezza sociale (La protezione sociale per coloro che si spostano nell'UE)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI COMUNITARI E SICUREZZA SOCIALE _______________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________ FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA – CATTEDRA DI DIRITTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE 17 Analizzando più da vicino il contenuto dell’APS allegato al Protocollo va sottolineato che esso, nel preambolo, esprimeva l’impegno di attuare la Carta sociale del 1989 e “di proseguire” quel progetto globale di politica sociale autonoma e non più circoscritta a materie e settori specifici 15 . L’art. 1 dell’Accordo ribadiva sostanzialmente gli obiettivi propri della Comunità espressi nei Trattati attuali e nello stesso TUE, quali la promozione dell’occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, cui si aggiungeva una protezione sociale adeguata e la previsione espressa del dialogo sociale. Particolare attenzione era dedicata al problema della eliminazione delle discriminazioni e delle varie forme di emarginazione sociale 16 . Le differenze più evidenti rispetto al Trattato di Maastricht consistono soprattutto nell’allargamento dei poteri del Consiglio nella procedura di assunzione delle misure ritenute necessarie rispetto a quanto previsto dal vecchio art. 118 del Trattato CE (art. 2 dell’ Accordo) e nella possibilità offerta agli Stati membri di affidare alle “parti sociali” l’attuazione delle eventuali normative comunitarie adottate in materia. 15 Cfr: G. Arrigo, “Politche sociali comunitarie” in Dizionario di diritto comunitario del lavoro, a cura di :Baylos Grau, D’Antona, Sciarra, ed. Monduzzi, Bologna, 1996. 16 Cfr: V. Guizzi, "Manuale di diritto e politica dell’Unione Europea”, ed. Cedam, Padova, 2001.

Anteprima della Tesi di Davide Ciorra

Anteprima della tesi: Libera circolazione dei lavoratori comunitari e sicurezza sociale (La protezione sociale per coloro che si spostano nell'UE), Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Davide Ciorra Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8243 click dal 10/02/2005.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.