Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Libera circolazione dei lavoratori comunitari e sicurezza sociale (La protezione sociale per coloro che si spostano nell'UE)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI COMUNITARI E SICUREZZA SOCIALE _______________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________ FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA – CATTEDRA DI DIRITTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE 4 economiche degli Stati membri, uno sviluppo armonioso delle attività economiche” 1 . All’aspetto economico fu dato il rilievo maggiore nella forte convinzione liberista, presente nei padri fondatori, che uno sviluppo armonioso avrebbe portato quasi inevitabilmente ad un continuo miglioramento delle condizioni di vita dei cittadini comunitari. Alla politica sociale comune, invece, non venne riconosciuta alcuna autonomia, essendo posta al servizio di un unico obiettivo: la costruzione del mercato unico europeo in cui fosse garantita la libera circolazione dei lavoratori, delle merci e dei capitali. Fino agli anni ’80, e precisamente fino all’Atto Unico Europeo che ha attribuito nuove competenze in campo sociale alla Comunità, questa “cieca” fiducia nelle potenzialità intrinseche del Mercato ha caratterizzato tutta l’azione sociale ed ha riguardato anche la materia della sicurezza sociale, relegata in secondo piano e posta a totale servizio della libera circolazione dei lavoratori comunitari. In questo senso il secondo capitolo del mio lavoro tratterà, con riguardo alle fonti normative, il tema della libera circolazione di tutti i lavoratori, a partire dal principio generale di non discriminazione, sancito dall’art.12 del Trattato CE posto a fondamento di tutta la costruzione europea. 1 Art. 2 Trattato di Roma istitutivo della Comunità economica europea, 25 marzo 1957.

Anteprima della Tesi di Davide Ciorra

Anteprima della tesi: Libera circolazione dei lavoratori comunitari e sicurezza sociale (La protezione sociale per coloro che si spostano nell'UE), Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Davide Ciorra Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8244 click dal 10/02/2005.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.