Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Libera circolazione dei lavoratori comunitari e sicurezza sociale (La protezione sociale per coloro che si spostano nell'UE)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI COMUNITARI E SICUREZZA SOCIALE _______________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________ FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA – CATTEDRA DI DIRITTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE 11 si fecero portatori alla fine degli anni ’60 la Commissione e, soprattutto, il Parlamento europeo. I governi recepirono questa nuova concezione dinamica dell’ azione sociale della Comunità nel vertice di Parigi dei Capi di Stato e di Governo del 1972 , che non a caso è considerato il momento del “risveglio” del diritto sociale europeo da quel lungo sonno durato quasi tre lustri. Qui i governi nazionali concordarono sull’incapacità del mercato comune di garantire un progresso sociale uniforme nella Comunità e sull’ importanza di un’ azione vigorosa nel campo sociale; pertanto autorizzarono un primo “programma d’azione sociale” che il Consiglio adottò nel 1974, su proposta della Commissione. Si cominciò allora a parlare di un vero e proprio “spazio sociale europeo e venne riconosciuta la funzione essenziale della concertazione sociale. Il Programma d’azione del 1974 riconobbe e la dimensione sociale del mercato interno e la necessità di un’evoluzione della politica sociale, con interventi diretti della Comunità in materia di occupazione, di condizioni di lavoro e di sicurezza sociale. Negli anni ’80 fu ancora la Francia, e in particolare il suo presidente della Repubblica Francois Mitterand, sostenuto anche dal cancelliere tedesco Willy Brandt, a ribadire la necessità di un “prolungamento sociale” dell’Unione economica e di uno spazio sociale europeo basato su azioni incisive della Comunità, con obiettivi prioritari l’occupazione e la protezione sociale e metodo fondamentale il

Anteprima della Tesi di Davide Ciorra

Anteprima della tesi: Libera circolazione dei lavoratori comunitari e sicurezza sociale (La protezione sociale per coloro che si spostano nell'UE), Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Davide Ciorra Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8244 click dal 10/02/2005.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.