Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La retorica tra propaganda e pubblicità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 Introduzione L’oggetto di questo studio è il linguaggio limitato a due settori essenziali nella vita di tutti i giorni: la politica e la pubblicità. L’intento del lavoro è quello di analizzare, al di là delle differenze necessarie, come le loro funzioni si intreccino per dar luogo all’unica vera finalità: la persuasione. La comunicazione politica della Seconda Repubblica ha subìto un forte mutamento. Grazie al processo di personalizzazione, il linguaggio freddo, distaccato, tipico della Prima Repubblica, ha lasciato il posto ad un lessico più familiare, di comunione. Il “politichese” della vecchia classe dirigente, rovesciata con Tangentopoli e con il dissolvimento dei partiti maggiori, è stato sostituito dalla semplicità del linguaggio, mai esente però da espressioni demagogiche. La causa della personalizzazione suddetta va sicuramente ricercata nei mass media e, precisamente, nella televisione. Con il passare del tempo, infatti, si è assistito ad un trasferimento della politica nei set televisivi ( mi riferisco ad esempio al programma Porta a Porta, condotto da Bruno Vespa 1 ). Lo schermo ha reso più vicino i protagonisti delle istituzioni, facendoli diventare più umani e maggiormente esposti alle critiche. Questo nuovo fenomeno, che abbiamo definito “personalizzazione”, può essere osservato anche nei manifesti elettorali, in cui la figura del leader di partito domina la veste grafica accanto al testo pubblicitario. Il testo (lo slogan elettorale, per intenderci), nella comunicazione moderna, sta assumendo rilevanza sempre minore rispetto all’avanzare delle immagini e dei suoni. Questo lo rileviamo, per esempio, 1 In questo programma gli ospiti sono quasi sempre i politici e le discussioni assumono le caratteristiche tipiche di quelle parlamentari, in cui si propongono soluzioni ai problemi del paese. Alcuni hanno definito tale programma, con vena ironica, il vero centro dell’attività politica italiana.

Anteprima della Tesi di Riccardo Ciunci

Anteprima della tesi: La retorica tra propaganda e pubblicità, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Riccardo Ciunci Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11922 click dal 08/02/2005.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.