Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modulazione degli enzimi antiossidanti in Tapes philippinarum e Scapharca inaequivalvis in condizioni di anossia e successiva riossigenazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Ossigeno e specie radicaliche 11 fegato e nel rene, dove i perossisomi provvedono alla detossificazione di composti tossici (incluso l’etanolo) che entrano in circolo. Inoltre nei perossisomi si attua la β- ossidazione degli acidi grassi (nei mammiferi la β-ossidazione avviene nei mitocondri e nei perossisomi) (Alberts et al., 1994). - In aggiunta alle ossidasi intracellulari associate alla membrana, alcuni enzimi solubili come la xantina ossidasi, l’aldeide ossidasi, la flavoproteina deidrogenasi etc., possono generare ROS durante il ciclo catalitico (Thannickal e Fanburg, 2000). Fra questi enzimi la xantina ossidasi (che si forma dalla xantina deidrogenasi in seguito ad esposizione all’ipossia dei tessuti) è ampiamente studiata per la generazione di superossido (Parks et al., 1988). L’ossidasi di membrana meglio caratterizzata è rappresentata dalla NADPH ossidasi dei fagociti che svolge una importante funzione di difesa dell’ospite contro l’attacco dei microrganismi (Babior, 1999). Durante la fagocitosi la membrana plasmatica si introflette formando la parete delle vescicole fagocitiche e quella che prima era la superficie esterna della membrana ora, nelle vescicole, rappresenta la superficie interna. Questo scatena all’interno il rilascio di superossido e dei suoi metaboliti reattivi per l’attività microbicida. - L’autossidazione di piccole molecole come la dopamina, l’epinefrina, le flavine e gli idrochinoni, possono essere un’importante fonte di ROS (Thannickal e Fanburg, 2000). Nonostante non si conosca il ruolo delle autossidazioni di queste piccole molecole legate al fattore della crescita e/o alla mediazione delle citochine, tali reazioni possono indurre stress ossidativo e alterare lo stato redox della cellula. Ad esempio il manganese (Mn) accelera l’ossidazione delle catecolamine con la produzione di chinoni, semichinoni e radicali dell’ossigeno (Halliwell, 1999).

Anteprima della Tesi di Jurgen Foschi

Anteprima della tesi: Modulazione degli enzimi antiossidanti in Tapes philippinarum e Scapharca inaequivalvis in condizioni di anossia e successiva riossigenazione, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Jurgen Foschi Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3698 click dal 15/02/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.