Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il processo di realizzazione di un’opera pubblica: strumenti di controllo e gestione delle differenti fasi di progettazione ed esecuzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Processo di realizzazione di un’opera pubblica: strumenti di controllo e gestione delle differenti fasi di progettazione ed esecuzione. Capitolo I La fase Progettuale Dott. Arch. Enzo De Paola - Dott. Arch. Emilio Mancini 2 Spesso infatti si associa alla programmazione triennale l’appellativo del “libro dei sogni”, in quanto difficilmente risulta sottostimata la volontà di fare rispetto alle possibilità finanziarie dell’ente. Volendo poi citare le conoscenze professionali del progettista di un opera pubblica, oltre allo norme tecniche costruttive e manutentive si aggiunge la conoscenza della legislazione amministrativa del settore degli appalti pubblici. Tale scenario legislativo è stato, per quasi un secolo, quello dettato dal D.M. 29 maggio 1895, che suddivideva i livelli di progettazione in “progetto di massima” e in “progetto definitivo”, l’uno rivolto a preventivare la spesa approssimativa dell’opera o a sceglierne la migliore soluzione, l’altro redatto in maniera più approfondito in quanto finalizzato alla effettiva realizzazione dell’opera stessa. Con la Merloni cambiano i livelli di definizione progettuale passando dai due precedenti citati a tre, l’art. 16 della legge, difatti li suddivide in, preliminare, definitivo ed esecutivo. Tra le finalità di questa riorganizzazione della normativa, vi è quella di porre rimedio agli errori, che nel passato, hanno prodotto una insufficiente qualità degli elaborati avendo come conseguenza un notevole sperpero di denaro pubblico. Al di là della differenza sostanziale, in merito alla diversa complessità che va via crescendo dal preliminare all’esecutivo, in quanto cresce la scala di dettaglio degli elaborati grafici nonché il numero delle prestazioni tecniche connesse, lo scopo dell’organizzazione per livelli è rivolto ad assicurare una maggiore qualità dell’opera e la diversità formale di tali livelli consiste nella finalità alla quale ognuno di essi è rivolto. Tale crescita e nella qualità attesa e nel numero delle prestazioni ha fatto si che l’attività di controllo sia divenuta sempre più complessa. I contenuti delle progettazioni sono disciplinati dal capo secondo del titolo III del DPR 554/99 meglio conosciuto come il regolamento della Legge. Alla prima sezione di tale capo si citano le disposizioni di carattere generale che suddividono la progettazioni per livelli: preliminare, definitivo ed esecutivo. Effettuando un leggero passo indietro, va detto che a monte del procedimento della progettazione vi è il documento preliminare (DPP). Contenuti del documento preliminare (DPP) La redazione di tale elaborato a cura del Responsabile del procedimento è resa ai sensi dell’ art 8 comma 1 let. c) del regolamento sui LL. PP. di cui al d.P.R. 21 dicembre 1999 n.554 .

Anteprima della Tesi di Enzo De Paola

Anteprima della tesi: Il processo di realizzazione di un’opera pubblica: strumenti di controllo e gestione delle differenti fasi di progettazione ed esecuzione, Pagina 3

Tesi di Master

Autore: Enzo De Paola Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3038 click dal 07/02/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.