Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Benevento tra Stato della Chiesa e Regno di Napoli: politica e amministrazione nel XVII secolo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Tuttavia la figura dell’Agente legò a sè non pochi problemi, visto che la sua elezione, regolata da una norma Aldobrandina del 1590, 7 escludeva da questa carica il ceto popolare. Così non mancarono i ricorsi presentati da quest’ultimo alla Sacra Consulta, la quale se da una parte concedeva al ceto popolare la possibilità di presentare una lista contenente i nominativi di coloro che dovevano essere eletti, d’altra parte non riusciva a garantire equilibrio e stabilità perché essa stessa interveniva sempre con molta influenza proponendo coloro che dovevano essere aggregati alla comunità Beneventana. Certo questo aspetto era presente anche per l’elezione di altre cariche e non solo per quella di Agente. La copiosa corrispondenza tra la Sacra Consulta e la comunità stessa era testimonianza di quanto detto. In una lettera del 5 Settembre 1693 la Sacra Consulta scriveva: “ Delli soggetti nominati per cotesta carica di fiscale la Sacra Consulta vuole che tre di essi si propongono in conseglio; e sono il Dottore Giacinto Cardone, Luca di Luca e Domenico Coscia, affinché uno di questi, venga eletto alla carica suddetta. Così vi faccia >… ≅ e Dio la prosperi”. 8 Tra i funzionari di minor rilievo, ma comunque necessari alla gestione della cosa pubblica, il Consiglio era chiamato ad eleggere il Castellano e il Bargello. Il Castellano provvedeva alla salvaguardia del castello e alla sicurezza del carcere, mentre il Bargello era il capo della polizia governativa e aveva alle sue dipendenze12 soldati. 7 G. INTORCIA, Governo e ceti sociali a Benevento in età Moderna, Benevento, 1993, p.63. 8 A.S.C.B., Fondo Civico, Serie 2.IX.1, Deliberazioni Conisiliari, f.70, r.

Anteprima della Tesi di Romina De Vizio

Anteprima della tesi: Benevento tra Stato della Chiesa e Regno di Napoli: politica e amministrazione nel XVII secolo, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Romina De Vizio Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2749 click dal 08/02/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.