Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela dei beni culturali e gli strumenti di pianificazione urbanistica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 profusi nella realizzazione della legge 11 giugno 1922, n. 778, che disciplinò per la prima volta la protezione paesaggistica e del panorama. La legge fu elaborata in un periodo in cui non era particolarmente sviluppata l’attenzione per i problemi del paesaggio. Infatti all’epoca la tutela era concepita con riferimento alle “peculiari caratteristiche del territorio in cui il popolo vive e da cui, come sorgenti sempre fresche, l’anima umana attinge ispirazione di opere e di pensieri” 13 . Quindi, nonostante le indubbie innovazioni introdotte dalla l. 778/22, la materia rimase quella disciplinata dalla precedente legge 20 giugno 1909 14 , n. 364, per le antichità e belle arti, e bisogna attendere la l. 1089/39 (legge “Bottai”), per aver una forma di tutela 13 Queste parole sono contenute nella relazione al disegno di legge n. 204 “Per la tutela delle bellezze panoramiche e degli immobili di interesse artistico”, (divenuto, poi, legge n. 778 del 1922, sulla cui base è stata poi redatta la legge del 1939, n. 1497), presentato il 25 settembre 1920, nel corso della XXV legislatura al Senato del Regno, dall’allora Ministro della Pubblica Istruzione Benedetto Croce. La relazione può leggersi integralmente in Mattaliano E., op. ult. cit., pp. 27 ss. 14 “L’art. 4 della legge 788/22, ripete la stessa formula dell’art. 14 della legge del 1909, modificato dall’art. 3 della già menzionata legge n. 688/12, in ordine alla facoltà dell’autorità governativa di imporre distanze, misure e altre norme necessarie in caso di costruzioni, ricostruzioni ed attuazioni di piani regolatori affinché le nuove opere non danneggino l’aspetto e lo stato di pieno godimento delle bellezze panoramiche di cui all’art. 1 della presente legge.”, in Martini G., Disciplina urbanistica e tutela del patrimonio storico, artistico e paesistico, Giuffrè, Milano, 1970, p. 27.

Anteprima della Tesi di Anselmo Provenzano

Anteprima della tesi: La tutela dei beni culturali e gli strumenti di pianificazione urbanistica, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Anselmo Provenzano Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7407 click dal 09/02/2005.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.