Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela dei beni culturali e gli strumenti di pianificazione urbanistica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 relativa alla protezione delle bellezze naturali 23 , che, come in precedenza affermato, si poneva come naturale complemento alla dettagliata proliferazione di leggi speciali del primo decennio dell’era fascista. La protezione assicurata alle bellezze naturali dalla legislazione precostituzionale, oggi esplicitamente abrogata ex art. 166 d. lgs. 25 ottobre 1999, n. 490, non era esaustiva 24 . Presupposto necessario ed indefettibile per la tutela delle cose in oggetto era la dichiarazione di notevole interesse pubblico, la quale era contenuta in un decreto del Ministro della Pubblica Istruzione, il quale istituiva speciali commissioni provinciali predisposte affinché venissero redatti appositi elenchi delle bellezze panoramiche. Sul punto è illuminante la previsione dell’art. 10 del regolamento attuativo della l .1497/39, 23 Art. 1 l. 1497/39: “Sono soggette alla presente legge a causa del loro notevole interesse pubblico: 1) le cose immobili che hanno cospicui caratteri di bellezza naturale o di singolarità geologica; 2) le ville, i giardini e i parchi, che non contemplate dalle leggi per la tutela delle cose d’interesse artistico o storico, si distinguono per la loro non comune bellezza; 3) i complessi di cose immobili che compongono un caratteristico aspetto avente valore estetico e tradizionale; 4) le bellezze panoramiche considerate come quadri naturali e così pure quei punti di vista o di belvedere, accessibili al pubblico, dai quali si goda lo spettacolo di quelle bellezze., in Torregrossa G., op. ult. cit., p. 275. 24 Per completezza di analisi si vedano, ad esempio, la legge 20 giugno 1935, n. 1251 sulla costituzione dell’Ente Autonomo del Monte di Portofino, la legge 22 luglio 1939, n. 1450 (mod. con legge 6 giugno 1952, n. 678) sulla istituzione dell’Ente per la valorizzazione dell’isola di Ischia, ed altri provvedimenti legislativi la cui rassegna dettagliata è argomentata in Pasini, La tutela delle bellezze naturali, pp. 18 ss.

Anteprima della Tesi di Anselmo Provenzano

Anteprima della tesi: La tutela dei beni culturali e gli strumenti di pianificazione urbanistica, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Anselmo Provenzano Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7407 click dal 09/02/2005.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.