Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

ETF-fondi a gestione passiva

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Capitolo 1 Origine e definizione degli ETF: Gli Exchange-Traded Funds (ETF), sono una particolare categoria di fondi d’investimento mobiliare aperti a gestione espressamente passiva, che mirano a replicare il più fedelmente possibile un determinato indice di mercato: sia esso azionario, obbligazionario, geografico o settoriale. L’origine degli Exchange-Traded Funds si può ricollegare allo sviluppo delle polizze index-linked già diffusa negli Stati Uniti a partire dagli anni ’70. A partire dal 1990 la Leland O’Brien Rubenstein Associates(LOR) lanciò il primo ETF sul mercato statunitense che venne denominato “Index Trust Super Unit”che aveva come base un paniere di fondi legati all’indice S&P500. Questo indice però, non consentiva agli investitori di operare direttamente sull’indice Standard & Poor500 come un semplice titolo azionario, così nel 1996 sulla scia della crisi che colpì i prodotti hedge dovette sospendere le contrattazioni. Nel frattempo però sia negli Stati Uniti sia in Canada si assistette al lancio di molti altri ETF che migliorarono sempre di più la qualità di questo prodotto. Nel 1999 fece il suo ingresso sul mercato il “Cubes”(o meglio conosciuto come il QQQ), legato all’indice tecnologico americano Nasdaq100. Attualmente rappresenta l’ETF maggiormente scambiato in tutto il mondo.

Anteprima della Tesi di Marco Binda

Anteprima della tesi: ETF-fondi a gestione passiva, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Marco Binda Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5857 click dal 17/02/2005.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.