Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L' obbligazione di conformità dei beni nella compravendita internazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I 8 Questa soluzione si basa innanzi tutto sull’assunto che, per le parti di un contratto internazionale, è preferibile l’applicazione di standards internazionali di validità, quali quelli disposti dai Principi Unidroit, rispetto all’assoggettamento ad una legge nazionale. Inoltre, l’applicazione dei Principi Unidroit è coerente con lo scopo della Convenzione di Vienna di unificare le norme che disciplinano i rapporti tra le parti di un contratto internazionale 13 . 13 GARRO, The gap- filling role of the Unidroit principles in international sales law: some comments on the interplay between the principles and the CISG, op.cit., p.1159. Occorre qui sottolineare come la Convenzione di Vienna sia espressione di quel processo di unificazione internazionale del diritto, che ha avuto inizio sul finire del secolo scorso. Con l’espressione “unificazione internazionale del diritto” si intende, lato sensu, ogni iniziativa volta al superamento delle divergenze sussistenti tra due o più diritti nazionali attraverso l’elaborazione di una disciplina uniforme che sostituisca, totalmente o parzialmente, i primi nella regolamentazione di una determinata materia. Talora, detto termine è usato in un’accezione più stretta, con riferimento al caso in cui determinati Stati si impegnino ad adottare, nei rispettivi ordinamenti interni, un testo legislativo di contenuto identico per tutti. In tal senso, l’unificazione si contrappone all’uniformazione o armonizzazione del diritto, termini, questi, comprendenti le ipotesi in cui, a livello internazionale, vengano elaborati principi e criteri di base, cui i legislatori nazionali dovranno ispirarsi. In realtà, tale distinzione perde di rilevanza se si pensa alla possibilità che una convenzione preveda ampie facoltà di riserva a favore degli Stati contraenti e che, pertanto, sia introdotta negli ordinamenti nazionali con contenuti diversi. Inoltre, l’unificazione non si realizza soltanto attraverso lo strumento legislativo, ma anche in forme diverse, rispetto alle quali la suddetta distinzione avrebbe poco senso. Infatti, accanto all’unificazione legislativa, è ravvisabile, in primo luogo, un’unificazione giurisprudenziale: una volta approvata una convenzione, occorre che la disciplina uniforme da essa dettata riceva nella pratica un’interpretazione ed un’applicazione uniformi ad opera dei giudici e degli arbitri. Anche la dottrina può avere un ruolo importante nel processo di unificazione, che si traduce, ad esempio, nella scelta delle materie da proporre come oggetto di un’eventuale unificazione, nell’effettuazione di studi comparatistici indispensabili in sede di elaborazione della normativa uniforme, ed, ancora, nella realizzazione di progetti specifici, come, ad esempio, il progetto dell’Unidroit di elaborazione dei Principi per i contratti commerciali internazionali. Infine vi è un’unificazione contrattuale, la quale fa capo ad alcuni organismi internazionali che si sono proposti di elaborare strumenti contrattuali “internazionali” o “transnazionali”, ossia senza alcun legame con gli ordinamenti nazionali. Per la distinzione tra unificazione

Anteprima della Tesi di Giuliana Caira

Anteprima della tesi: L' obbligazione di conformità dei beni nella compravendita internazionale, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giuliana Caira Contatta »

Composta da 236 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2142 click dal 11/02/2005.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.