Skip to content

Il distretto industriale di Solofra: analisi di un sistema locale territoriale e progettazione per lo sviluppo.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
53 “selezione naturale” della concorrenza (si legga: marginalizzazione/fallimento delle imprese non competitive). All’indebolimento della struttura produttiva meridionale ha fatto da pendant il deterioramento della struttura finanziaria della locale industria bancaria: la qualità del credito erogato (misurata dal rapporto sofferenze/impieghi) è peggiorata drasticamente (nel triennio 1997- 99 il rapporto è stato del 20% contro il 7% della media nazionale; nel 2001, del 14% contro il 3,2% della media nazionale). L’eccessiva esposizione creditoria delle banche meridionale ha fatto scattare i meccanismi della c.d. “vigilanza prudenziale” (introdotti con la riforma della legge bancaria, DLgs n. 385/93); apertis verbis: trovandosi sull’orlo dell’insolvenza, magna pars degli istituti meridionali ha dovuto bloccare la sua attività di affidamento. Qui è intervenuto il processo di ristrutturazione del sistema bancario italiano, il quale ha portato a quello che è, in letteratura, definito “modello dell’integrazione dipendente”. In sostanza, le banche in salute del Centro-Nord hanno rilevato (attraverso fusioni ed acquisizioni) una cospicua quota di mercato della sofferente industria bancaria meridionale (il 12,4% tra il 1995 ed il 2000). Facendosi carico dei pesanti attivi patrimoniali infruttiferi delle omologhe meridionali (imputabili a crediti inesigibili), le banche centro- settentrionali si sono così estese su un mercato nuovo, in larga parte sconosciuto. Le “new entries” -in legittimo ossequio al principio di efficienza aziendale- non hanno mancato di traslare/scaricare sulla clientela locale, quale ne fosse la rischiosità specifica, l’elevato peso dei “non perfoming loans” ereditato all’atto dell’acquisizione/fusione di/con gli intermediari finanziari meridionali. La qualcosa è avvenuta in barba alla maggiore efficienza (misurata dal rapporto passività onerose/fondi intermediati) delle banche meridionali sul versante della raccolta. Ne è inevitabilmente risultato un inasprimento dei tassi d’interesse attivi praticati nelle regioni centro-meridionali. Nonostante la convergenza verso i parametri finanziari di Maastricht abbia condotto ad un declino dei valori assoluti dei tassi d’interesse attivi a breve tanto nel Centro- Nord quanto nel Centro-Sud, il differenziale relativo tra le due macro-aree ha teso ad allargarsi. Tornando dal contesto generale al distretto di Solofra, si può facilmente immaginare quali conseguenze abbia prodotto sull’impresa conciaria il costo relativamente più elevato del credito bancario. Non potendo convenientemente espandere la propria posizione debitoria nei confronti delle banche (si legga: non potendo contare su un effetto leva finanziario positivo), persino l’impresa redditiva (si legga: l’impresa con un ROI positivo) è stata obbligata al contenimento (se non addirittura al downsizing) della scala delle attività. Le vicende finanziarie sono, dunque, state capaci di incidere in modo pregnante sulle scelte/dinamiche reali dell’azienda. Il differenziale tra i tassi d’interesse attivi del Centro-Nord e quelli del Centro-Sud indubbiamente rappresenta la più manifesta conseguenza del fenomeno di ristrutturazione proprietaria dell’industria bancaria meridionale. Ma non l’unica. Tra il 1995 ed il 2000 la quota di mercato meridionale coperta dagli intermediari finanziari con sede legale extra-meridionale è passata dal 36,2% al 48,6% (+12,40%) e, specularmente, quella coperta da intermediari con sede nel Mezzogiorno è calata dal 63,8% al 51,4% (-12,40%); nello stesso arco di tempo, il numero delle aziende di credito meridionali è sceso di circa il 25%; nel 2000 -questo è forse il dato più allarmante- su un totale di oltre 6000 sportelli, solo 1600 appartenevano
Anteprima della tesi: Il distretto industriale di Solofra: analisi di un sistema locale territoriale e progettazione per lo sviluppo., Pagina 4

Preview dalla tesi:

Il distretto industriale di Solofra: analisi di un sistema locale territoriale e progettazione per lo sviluppo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Serra
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master in Local Development
Anno: 2004
Docente/Relatore: Giuseppe Moricola
Istituito da: Stoà - Istituto di Studi per la Direzione e Gestione di Impresa (Ercolano)
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi territoriale
avellino
banca di distretto
banca- impresa
banking relationship
concia
distretto industriale
solofra
sottocapitalizzazione
sviluppo locale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi